Wall Street naviga a vista. Il rimbalzo del greggio premia i petroliferi

(Teleborsa) – Wall Street prosegue le contrattazioni zoppicante, dopo un esordio già incerto, in attesa dei risultati del meeting del FOMC mercoledì.  

Questa è la settimana della Federal Reserve che, come ampiamente atteso, potrebbe annunciare il primo rialzo dei tassi di interesse dalla crisi del 2008.

Ad innervosire gli operatori oggi aveva concorso la volatilità del petrolio, che ha toccato nuovi minimi sotto i 35 dollari prima dell’avvio degli scambi della borsa di New York. Ora il greggio è rimbalzato oltre i 36 dollari al barile e sta sostenendo i titoli petroliferi. 

L’indice Dow Jones prosegue gli scambi in rialzo dello 0,08% a 17.278 punti; sulla stessa linea l’indice S&P-500, che continua la giornata a 2.011 punti (-0,06%). Senza direzione il Nasdaq 100 (-0,17%).

Apprezzabile rialzo nell’S&P 500 per i comparti Energia (+0,76%) e Telecomunicazioni (+0,57%). In fondo alla classifica, sensibili ribassi si sono manifestati nel comparto Materiali, che ha riportato una flessione di -1,43%.

In cima alla classifica dei colossi americani componenti il Dow Jones i tioli petroliferi: Chevron avanza del 3,01% ed Exxon Mobil del 2,15%.

Bene anche Microsoft (+1,07%) e 3M (+0,99%).

Resta in apnea Du Pont de Nemours, che cede il 3,83%, una svolta svanita l’euforia dell’accordo con Dow Chemical. 

Si concentrano le vendite su Boeing, che soffre un calo dell’1,92%.

Male anche Apple, che registra un ribasso dell’1,58%, nonostante si sia aggiudicata un accordo con la pop star Taylor Swift. 

Tentenna Goldman Sachs, che cede lo 0,92%.

Wall Street naviga a vista. Il rimbalzo del greggio premia i petr...