Wall Street in stand-by

(Teleborsa) – Nessuna variazione significativa per il listino USA, con il Dow Jones che si attesta sui valori della vigilia a 34.614 punti, mentre, al contrario, l’S&P-500 ha un andamento depresso e scambia sotto i livelli della vigilia a 4.199 punti (-0,25%). Variazioni negative per il Nasdaq 100 (-0,71%); come pure, sotto la parità l’S&P 100, che mostra un calo dello 0,25%.

Gli indici hanno comunque recuperato terreno rispetto all’apertura. Merito anche del fatto che il presidente USA Joe Biden sarebbe disposto a fare delle modifiche alla sua riforma fiscale per ottenere il sostegno dei repubblicani al suo piano per le infrastrutture.

Nell’S&P 500, buona la performance dei comparti utilities (+0,55%), finanziario (+0,51%) e energia (+0,48%). Tra i più negativi della lista del paniere S&P 500, troviamo i comparti telecomunicazioni (-0,77%), informatica (-0,61%) e beni di consumo secondari (-0,54%).

Al top tra i giganti di Wall Street, DOW (+1,63%), Goldman Sachs (+1,47%), Merck (+1,40%) e Procter & Gamble (+1,38%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Honeywell International, che prosegue le contrattazioni a -5,18%.

Soffre Intel, che evidenzia una perdita dell’1,79%.

Preda dei venditori Salesforce.Com, con un decremento dell’1,20%.

Si concentrano le vendite su Apple, che soffre un calo dell’1,13%.

Tra i best performers del Nasdaq 100, Moderna (+3,75%), NetApp (+2,83%), Nvidia (+2,76%) e Dollar Tree (+2,67%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Bed Bath & Beyond, che prosegue le contrattazioni a -24,33%.

Lettera su Baidu, che registra un importante calo del 4,02%.

Affonda Wynn Resorts, con un ribasso del 3,22%.

Crolla Mattel, con una flessione del 2,88%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street in stand-by