Wall Street in ribasso su timori coronavirus

(Teleborsa) – Partenza all’insegna delle vendite per la borsa di Wall Street con gli investitori preoccupati per la diffusione del coronavirus, che ha messo in secondo piano le indicazioni giunte la vigilia dalla Federal Reserve. La banca centrale guidata da Jerome Powell ha lasciato invariati i tassi di interesse segnalando che l’inflazione resta bassa mentre l’economia sta crescendo ad un “tasso moderato”. L’attuale politica monetaria, dunque, è considerata dalla Fed “adeguata” perché sostenga il ritorno dell’inflazione all’obiettivo del 2%.

Sul fronte macroeconomico, è stabile la crescita dell’economia americana nell’ultimo trimestredel 2019. Quanto al mercato del lavoro, ha evidenziato una flessione delle richieste di sussidio alla disoccupazione, tuttavia inferiore a quanto stimato dagli analisti.

Sul versante corporate, i riflettori del mercato si accendono sul titolo Tesla che ha sorpreso gli analisti con conti sopra attese.

Sulle prime rilevazioni, il Dow Jones scambia con un calo dello 0,52%; sulla stessa linea, cede alle vendite lo S&P-500, che retrocede a 3.252,23 punti. Poco sotto la parità il Nasdaq 100 (-0,49%), come l’S&P 100 (-0,6%).

Nell’S&P 500, non si salva alcun comparto. Tra i peggiori della lista dell’S&P 500, in maggior calo i comparti telecomunicazioni (-2,22%), materiali (-0,95%) e sanitario (-0,89%).

Tra le migliori Blue Chip del Dow Jones, Microsoft (+2,91%) e Coca Cola (+2,02%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su DOW, che prosegue le contrattazioni a -3,28%.

Sotto pressione Verizon Communication, con un forte ribasso dell’1,60%.

Soffre 3M, che evidenzia una perdita dell’1,56%.

Preda dei venditori United Health, con un decremento dell’1,18%.

Al top tra i colossi tecnologici di Wall Street, si posizionano Tesla Motors (+7,05%), Lam Research (+5,45%), Mondelez International (+4,03%) e Applied Materials (+3,41%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Facebook, che prosegue le contrattazioni a -7,96%.

Crolla Tractor Supply, con una flessione del 3,76%.

Vendite a piene mani su Illumina, che soffre un decremento del 3,65%.

Pessima performance per Vodafone, che registra un ribasso del 2,78%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street in ribasso su timori coronavirus