Wall Street in negativo. Tiene il Dow grazie a DuPont

Giornata di vendite a Wall Street, specie dopo che il Fondo Monetario Internazionale ha tagliato le stime di crescita mondiale per la crisi cinese ed il crollo delle commodities. 

Dal fronte macro la bilancia commerciale ha evidenziato ad agosto un deficit più ampio delle attese del mercato. 

Il Dow Jones resta a galla tenendo i 16.776 punti, mentre l’indice S&P-500 staziona poco sotto la parità a 1.976 punti. In ribasso il Nasdaq 100 (-1,09%), come l’S&P 100 (-0,4%).

In luce sul listino nordamericano S&P 500 i comparti Energia (+2,10%) e Materiali (+1,22%). Tra i peggiori della lista del paniere S&P 500, in maggior calo i comparti Sanitario (-3,23%), Beni di consumo secondari (-0,99%) e Utilities (-0,57%).

Tra le migliori Blue Chip del Dow Jones, Du Pont de Nemours (+9,93%) dopo le dimissioni dell’AD Ellen Kullman.
In denaro Chevron (+2,95%), Caterpillar (+2,43%) e Cisco Systems (+1,90%), quest’ultima grazie al “buy” di Citigroup.

Male, invece,nel settore sanitario United Health in flessione del 3,81%, Merck, che lascia sul tappeto una perdita del 2,99%, Pfizer, che affonda del 2,27% e Johnson & Johnson, che segna un -1,73%.

Wall Street in negativo. Tiene il Dow grazie a DuPont