Wall Street in frazionale ribasso

(Teleborsa) – Wall Street si conferma in rosso a metà seduta ma sopra i minimi toccati dopo la decisione del Presidente di annullare il vertice tra Stati Uniti e Corea del Nord.

Ad alleviare le tensioni sulla finanza statunitense sono i toni accomodanti emersi dai Verbali dell’ultima riunione di politica monetaria della Federal Reserve.

Intanto l’economia a stelle e strisce ha dato segnali negativi: i sussidi alla disoccupazione sono saliti ai massimi di sette settimane, le vendite di case esistenti sono scese inaspettatamente.

Il Dow Jones continua la seduta con un leggero calo dello 0,34%; sulla stessa linea, lo S&P-500 ha un andamento depresso e scambia sotto i livelli della vigilia a 2.726,99 punti. Senza direzione il Nasdaq 100 (-0,12%); in frazionale calo lo S&P 100 (-0,35%).

Tra le migliori Blue Chip del Dow Jones, General Electric (+2,33%) e Nike (+0,87%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Exxon Mobil -1,94% e Chevron -1,52% in scia all’indebolimento delle quotazioni del greggio.

Tra i best performers del Nasdaq 100, Mercadolibre (+3,51%), Micron Technology (+2,95%), Celgene (+2,58%) e Align Technology (+2,31%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Netease, che ottiene -3,41%.

Wall Street in frazionale ribasso