Wall Street in balia dei dazi. Prevalgono le vendite

(Teleborsa) – Passa in negativo la borsa di Wall Street che resta in balia del tira e molla sulla guerra commerciale tra USA e Cina. Non aiutano i dati macro che hanno mostrato uno scenario non particolarmente brillante. I prezzi delle case nelle 20 maggiori città americane, misurati dall’indice Case-Shiller sono saliti in giugno ma meno delle attese degli analisti e mostrano il 15esimo mese consecutivo di rallentamento della crescita dei prezzi. I consumatori americani si sono mostrati meno ottimisti sull’economia statunitense, secondo quanto rilevato dal Conference Board.

Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones scambia con un calo dello 0,56%; sulla stessa linea, cede alle vendite lo S&P-500, che retrocede a 2.878,38 punti. Poco sotto la parità il Nasdaq 100 (-0,47%), come l’S&P 100 (-0,5%).

Risultato negativo a Wall Street per tutti i settori dell’S&P 500. Nella parte bassa della classifica del paniere S&P 500, sensibili ribassi si manifestano nei comparti finanziario (-1,03%), energia (-1,00%) e beni industriali (-0,59%).

Tra i protagonisti del Dow Jones, Johnson & Johnson (+1,56%), Verizon Communication (+1,08%) e Procter & Gamble (+0,97%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su United Health, che continua la seduta con -3%. Si concentrano le vendite su JP Morgan, che soffre un calo dell’1,56%. Giù anche American Express, che registra un ribasso dell’1,32%.

Seduta negativa per Apple, che mostra una perdita dell’1,27%.

Sul podio dei titoli del Nasdaq, Costco Wholesale (+3,48%), Activision Blizzard (+3,33%), Netease Inc Each Repr 25 Com Stk (+1,89%) e Dollar Tree (+1,38%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Western Digital, che ottiene -3,51%. Pesante Workday, che segna una discesa di ben -3,46 punti percentuali.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street in balia dei dazi. Prevalgono le vendite