Wall Street immobile in attesa delle prossime mosse della Fed

(Teleborsa) – Wall Street si conferma poco mossa a metà seduta, con gli investitori che continuano a ragionare sulle indicazioni emerse dai Verbali del FOMC.

La stretta sui tassi di interesse già dal mese prossimo, ossia in occasione del meeting di politica monetaria del 15 e 16 dicembre, appare sempre più probabile. I banchieri hanno infatti espresso parere unanime circa un aumento dei tassi di interesse prima della fine dell’anno, grazie soprattutto all’attuale momento positivo dell’economia americana.

Momento confermato oggi dalla discesa dei sussidi alla disoccupazione, dal ritorno in territorio positivo dell’indice Fed di Philadelphia e dalla buona lettura del superindice.

Da rilevare il buonumore del comparto tecnologico in scia al debutto più che positivo di Square. La startup guidata dal fondatore e amministratore delegato di Twitter, Jack Dorsey, ha iniziato gli scambi a 11,20 dollari per azione contro un prezzo di collocamento fissato ieri a 9 dollari per azione. 

In questo momento il Dow Jones si conferma sulla parità, zavorrato dal crollo di United Health in scia al profit warning e all’intenzione di uscire dall’Obamacare.

Poco mosso anche l’indice S&P-500, mentre il Nasdaq 100 avanza dello 0,17%.

Wall Street immobile in attesa delle prossime mosse della Fed