Wall Street debole. Occhi sulla Federal Reserve

(Teleborsa) – Partenza negativa per la borsa di Wall Street. Dopo le elezioni di metà mandato, che hanno consegnato la Camera ai democratici e confermato il Senato ai repubblicani, l’attenzione degli operatori si sposta ora sulla decisione della Federal Reserve, in materia di tassi di interesse. Termina, stasera, la riunione della banca centrale americana: le aspettative del mercato sono per tassi invariati, mentre eventuali ritocchi all’insù potrebbero emergere dal comunicato per il mese di dicembre.

Sulle prime rilevazioni, il Dow Jones scambia con un calo dello 0,20%; sulla stessa linea, si muove al ribasso lo S&P-500, che perde lo 0,33% a 2.804,47 punti. Variazioni negative per il Nasdaq 100 (-0,84%); balza in alto lo S&P 100 (+2,27%).

Risultato negativo a Wall Street per tutti i settori dell’S&P 500. Tra i peggiori della lista del paniere S&P 500, in maggior calo i comparti materiali (-0,79%), beni di consumo secondari (-0,73%) e informatica (-0,69%).

In cima alla classifica dei colossi americani componenti il Dow Jones, Wal-Mart (+0,82%), Verizon Communication (+0,75%), Johnson & Johnson (+0,68%) e McDonald’s (+0,56%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Caterpillar, che ottiene -1,27%. In rosso Boeing, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,09%.

Sul podio dei titoli del Nasdaq, Microchip Technology (+4,37%), Hologic (+2,91%), O’Reilly Automotive (+1,37%) e Liberty Global (+1,12%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Ctrip.Com International, che prosegue le contrattazioni a -17,54%.

Wall Street debole. Occhi sulla Federal Reserve