Wall Street debole, non basta accordo USA-Cina

(Teleborsa) – La borsa di Wall Street taglia il traguardo di metà seduta senza grandi scossoni confermando la debolezza dell’avvio penalizzata dall’annuncio giunto da Pechino, che prevede un rallentamento della crescita economica. A causa delle tensioni commerciali con gli Stati Uniti che hanno avuto un impatto negativo sull’attività cinese.

Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones si attesta a 25.800,98 punti, mentre, al contrario, cede alle vendite lo S&P-500, che retrocede a 2.792,81 punti. Consolida i livelli della vigilia il Nasdaq 100 (+0,06%), come l’S&P 100 (-0,1%).

Sul fronte macroeconomico, a dicembre, le vendite di case nuove negli Stati Uniti sono aumentate rispetto al mese precedente, superando le attese degli analisti. Meglio del previsto anche l’ISM servizi di febbraio, l’indice che misura la performance del terziario negli USA.

Nell’S&P 500, non si salva alcun comparto. Tra i più negativi della lista dell’S&P 500, troviamo i comparti energia (-0,51%), finanziario (-0,47%) e beni industriali (-0,43%).

Al top tra i giganti di Wall Street, United Health (+1,94%) e Wal-Mart (+0,84%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su 3M, che prosegue le contrattazioni a -1,25%.

Seduta negativa per Verizon Communication, che mostra una perdita dell’1,06%.

Pensosa Dowdupont, con un calo frazionale dello 0,83%.

Tentenna Goldman Sachs, con un modesto ribasso dello 0,82%.

Tra i protagonisti del Nasdaq 100, Ctrip.Com International Spon Each Rep (+21,66%), Netease Inc Each Repr 25 Com Stk (+4,68%), Willis Towers Watson (+4,46%) e Baidu (+4,44%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Align Technology, che continua la seduta con -7,13%.

Pessima performance per Monster Beverage, che registra un ribasso del 3,28%.

Sessione nera per Western Digital, che lascia sul tappeto una perdita del 2,79%.

In caduta libera Hunt(J.B.)Transport Serv, che affonda del 2,06%.

Wall Street debole, non basta accordo USA-Cina