Wall Street debole con lo sguardo rivolto alla Fed

(Teleborsa) – Prosegue in affanno la borsa di Wall Street con l’attenzione degli investitori rivolta alla due giorni del meeting del Federal Open Market Committee (FOMC), che inizia domani 13 giugno per culminare mercoledì 14 giugno con l’annuncio sui tassi. Prevista anche la pubblicazione delle nuove previsioni economiche e la conferenza stampa della Chairwoman Janet Yellen.

Secondo gli analisti il braccio armato della Federal Reserve dovrebbe alzare i tassi di interesse di 25 punti base nonostante il raffreddamento della spesa dei consumatori e la bassa inflazione. Questi due fattori dovrebbero spingere la Banca Centrale a stelle e strisce a confermare quanto già detto a maggio, ossia che l’attuale dietrofront dell’economia è solo transitorio.

Nel meeting di maggio la Fed aveva optato per un nulla di fatto, ma nei Verbali della riunione era emersa la volontà di procedere con un nuovo aumento dei tassi Fed funds, che ora sostano tra lo 0,75 e l’1%.

In focus anche il comparto tecnologico dopo la robusta correzione del Nasdaq di venerdì, probabilmente su prese di beneficio dopo i recenti record.

Tra gli indici statunitensi, il Dow Jones continua la seduta con un leggero calo dello 0,27%; sulla stessa linea, lo S&P-500 scambia sotto i livelli della vigilia a 2.423,68 punti. Negativo il Nasdaq 100 (-1,01%); senza direzione lo S&P 100 (-0,11%).

Risultato positivo nel paniere S&P 500 per i settori Energia (+0,76%) e Telecomunicazioni (+0,75%). Nella parte bassa della classifica dell’S&P 500, sensibili ribassi si manifestano nei comparti Information Technology (-1,27%), Materiali (-0,45%) e Utilities (-0,42%).

Tra le migliori Blue Chip del Dow Jones, General Electric (+3,87%), Walt Disney (+1,32%), Chevron (+1,18%) e Nike (+1,15%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Apple, che ottiene -3,30%. Si concentrano le vendite anche su United Health, che soffre un calo dell’1,96%. Pesante Microsoft, che segna una discesa di ben -2,27 punti percentuali.

Al top tra i colossi tecnologici di Wall Street, si posizionano Citrix Systems (+3,05%), Akamai Technologies (+2,85%), Liberty Interactive (+2,16%) e Cintas (+2,09%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Netflix, che prosegue le contrattazioni a con un ribasso del 4,50%. In apnea Apple, che arretra del 3,30%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street debole con lo sguardo rivolto alla Fed