Wall Street debole. Apple inciampa nel Fisco

(Teleborsa) – Resta debole la borsa di Wall Street nella penultima seduta del 2015 con gli scambi anche oggi sottili complice il clima festivo in vista del ponte di fine anno. Domani il mercato osserverà l’orario ridotto e chiuderà in anticipo per la festa del Capodanno. 

Sul fronte macro, c’è stato un aggiornamento sul mercato immobiliare, con i compromessi per la vendita di case esistenti calati inaspettatamente. Il dato è comunque in aumento rispetto al novembre 2014, il quindicesimo rialzo annuale consecutivo. Domani è atteso un aggiornamento sul fronte occupazione, con le richieste per i sussidi alla disoccupazione. Attesa anche la statistica relativa all’attività manifatturiera nell’area di Chicago.

L’attenzione resta puntata sul petrolio tornato a scendere spinto al ribasso anche dal nuovo aggiornamento diffuso dall’EIA sull’andamento delle scorte settimanali di prodotti petroliferi. Il greggio continua ad accusare l’eccessiva offerta sul mercato e la posizione “ferma” dell’OPEC e dell’Arabia Saudita.

A New York, si muove sotto la parità il Dow Jones, che scende a 17.660 punti, con uno scarto percentuale dello 0,35%; sulla stessa linea, si muove al ribasso l’indice S&P-500, che perde lo 0,41%, scambiando a 2.070 punti. In frazionale calo il Nasdaq 100 (-0,46%), come l’S&P 100 (-0,4%).

Andamento negativo negli States su tutti i comparti dell’S&P 500. Nel listino, i settori Energia (-1,06%), Materiali (-0,90%) e Telecomunicazioni (-0,72%) sono stati tra i più venduti.

Giornata da dimenticare per tutte le Blue Chip del Dow Jones, che mostrano una performance negativa. Le più forti vendite si sono manifestate su Nike, che mostra un calo dell’1,31%.

Spicca la prestazione negativa di Apple, che scende dell’1,07% dopo essere inciampata nel fisco italiano.

Chevron perde l’1,01% per effetto dal calo del greggio.

Tra i titoli tecnologici, sottotono Intel che mostra una limatura dello 0,99%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street debole. Apple inciampa nel Fisco