Wall Street consolida vicino ai record

(Teleborsa) – Wall Street consolida i livelli della vigilia, mantenendosi attorno ai record raggiunti di recente. A sostenere gli acquisti sul mercato sono i titoli energetici, galvanizzati dal rally del petrolio: il future sul WTI ha ritracciato dai massimi dopo le scorte, ma mantiene un rialzo dell’1,5% a 54,4 dollari al barile. 

Poco impatto hanno avuto i dati macro usciti oggi e risultati perlopiù negativi, come quello sull’indice CFNAI e quello dei sussidi di disoccupazione settimanali, entrambi sotto le attese. Bene invece il dato sul mercato immobiliare, quello sui prezzi delle case elaborato dalla FHFA, che risulta in crescita ed in linea con le attese. 

Alla borsa di New York,  il Dow Jones è sostanzialmente stabile a 20.812,9 punti; sulla stessa linea lo S&P-500, che continua la seduta a 2.363,46 punti (-0,01%). Sotto la parità il Nasdaq 100, che mostra un calo dello 0,42%.

In buona evidenza nell’S&P 500 i comparti Utilities (+1,11%), Telecomunicazioni (+0,84%) e Sanitario (+0,70%). Nel listino, le peggiori performance sono quelle dei settori Industriale (-0,87%), Materiali (-0,59%) e Beni di consumo secondari (-0,46%).

Al top tra i giganti di Wall Street, Johnson & Johnson (+1,52%), Pfizer (+1,50%), Merck & Co (+1,23%) e Verizon Communication (+1,20%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Caterpillar, che prosegue le contrattazioni a -2,73%.

Sostanzialmente debole General Electric, che registra una flessione dello 0,75%.

Si muove sotto la parità Nike, evidenziando un decremento dello 0,71%.

Contrazione moderata per United Technologies, che soffre un calo dello 0,56%.

Wall Street consolida vicino ai record