Wall Street avvia una seduta drammatica: indici a picco con crollo energia

(Teleborsa) – Pioggia di vendite su Wall Street che parte in netto ribasso, seguendo le orme delle borse europee e dei mercati asiatici. A pesare sono il crollo delle quotazioni del petrolio, dopo il mancato accordo in seno all’Opec Plus, e l’aggravamento dell’emergenza Coronavirus un po’ in tutto il mondo.

A New York, il Dow Jones scambia con una pesante flessione del 7,29%, proseguendo la serie di ribassi consecutivi iniziata giovedì scorso; giornata da dimenticare anche per lo S&P-500, che retrocede del 7% a 2.764,21 punti. In forte calo il Nasdaq 100 (-6,79%), come l’S&P 100 (-7,1%).

Scivolano sul listino americano S&P 500 tutti i settori. Tra i peggiori della lista del paniere S&P 500, in maggior calo i comparti energia (-19,34%), finanziario (-8,98%) e beni industriali (-7,38%).

Giornata da dimenticare per tutte le Blue Chip del Dow Jones, che mostrano una performance negativa.

Vendite insistenti sui petroliferi, con Chevron che crolla del 14,47% ed Exxon Mobil che segna una discesa di 14,28 punti percentuali.

Seduta drammatica per DOW, che crolla dell’11,96%.

Sensibili perdite per JP Morgan, in calo dell’11,68%.

Unico titolo in positivo del Nasdaq-100, Viacom mette a segno un +3,24%.

La peggiore è su Tesla Motors, che prosegue le contrattazioni a -12,01%.

In apnea Western Digital, che arretra del 10,23%.

Tonfo di Wynn Resorts, che mostra una caduta del 9,81%.

Lettera su Micron Technology, che registra un importante calo dell’8,90%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street avvia una seduta drammatica: indici a picco con crollo&nbs...