Wall Street apre incerta nonostante revisione al rialzo PIL

(Teleborsa) – Wall Street avvia le contrattazioni incerta e con i tech di nuovo sotto pressione, dopo esser stati protagonisti ieri di un sostanzioso rimbalzo.

Il mercato non si avvantaggia del dato sul PIL USA, che ha riportato un’accelerazione all’1,4% ed è risultato sopra le attese. Invece, le richieste di sussidio alla disoccupazione sono cresciute più del previsto nell’ultima settimana.

A supporto in un contesto di mercato perlopiù negativo arriva dalle grandi banche d’affari, che si muovono in rialzo dopo che la Federal Reserve ha dato l’OK all’aumento dei dividendi e ai buyback sulla base dei risultati positivi dei recenti stress test.

Un effetto positivo anche dal rally del greggio, che sta sostenendo il comparto energy.

A New York, il Dow Jones sta riportando una variazione pari a +0,06%; si muove intorno alla parità anche lo S&P-500, che apre la giornata a 2.442,07 punti. Negativo il Nasdaq 100 (-0,52%). Si distingue nel paniere S&P 500 il settore Finanziario. Nella parte bassa della classifica dell’S&P 500, sensibili ribassi si manifestano nei comparti Information Technology (-0,66%) e Utilities (-0,62%).

Tra i protagonisti del Dow Jones, JP Morgan (+2,22%), Goldman Sachs (+1,88%), American Express (+1,04%) e Chevron (+0,60%).

Le più forti vendite si registrano su Visa, che apre le contrattazioni a -1,45%.

Vendite su Microsoft, che registra un ribasso dell’1,25%.

Tentenna Apple, che cede lo 0,72%.

Sostanzialmente debole Coca Cola, che registra una flessione dello 0,65%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street apre incerta nonostante revisione al rialzo PIL