Wall Street apre incerta dopo PIL e ordini

(Teleborsa) – Wall Street avvia le contrattazioni sottotono dopo i dati sul PIL e gli ordini di beni durevoli. Il PIL in realtà è stato rivisto al rialzo oltre le attese, mentre gli ordini sono scesi ad aprile ed il dato core che esclude le auto è apparso deludente. 

Gli operatori scelgono così la cautela, in una giornata un po’ particolare, dato che il mercato americano ieri ha chiuso su nuovi record. Lunedì poi la borsa USA sarà chiusa per il Memorial Day e dunque qualche realizzo è pressoché scontato.

Il dollaro torna ad apprezzarsi e spinge l’euro verso il basso a 1,1171 USD (-0,37%) sulla scommessa di un’exit strategy più lenta della Fed. Dalle ultime Minutes del FOMC era emerso un cambio di toni riguardo il recente rallentamento dell’economia.

Alla borsa di New York, il Dow Jones lima lo 0,15% a a 21.050 punti; sulla stessa linea lo S&P-500, che c4ede lo 0,11% a 2.412 punti. Sui livelli della vigilia il Nasdaq 100 (-0,07%). Scivolano all’interno del paniere del S&P 500 tutti i settori.

In cima alla classifica dei colossi americani componenti il Dow Jones, Du Pont de Nemours (+0,68%) e Walt Disney (+0,64%).

Tra i best performers del Nasdaq 100, Ulta Beauty (+4,64%), Costco Wholesale (+2,17%), Wynn Resorts (+1,29%) e O’Reilly Automotive (+1,02%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Shire, che cede il 2,88%.

Soffre Seagate Technology, che evidenzia una perdita dell’1,28%.

Preda dei venditori Micron Technology, con un decremento dell’1,27%.

Wall Street apre incerta dopo PIL e ordini