Wall Street apre in rosso con timori Covid e lite su Digital Tax

(Teleborsa) – Wall Street avvia le contrattazioni in deciso ribasso, a causa del persistere di preoccupazioni per una risalita dei contagi di Covid-19 e per la diatriba USA-UE sulla Digital Tax, che complica le relazioni internazionali in un momento critico per l’economia mondiale.

Pesano anche dati macro negativi, in particolare le richieste di disoccupazione, calate meno del previsto, mentre è andato bene il Philly FED.

A New York, si muove sotto la parità il Dow Jones, che scende a 25.986 punti, con uno scarto percentuale dello 0,51%; sulla stessa linea l’S&P-500, che retrocede a 3.107 punti. Consolida i livelli della vigilia il Nasdaq 100 (+0,03%); poco sotto la parità l’S&P 100 (-0,22%).

Nell’S&P 500, non si salva alcun comparto. Nel listino, le peggiori performance sono quelle dei settori finanziario (-0,46%) e sanitario (-0,44%).

Unica tra le Blue Chip del Dow Jones a riportare un sensibile aumento è Microsoft (+0,55%).

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Cisco Systems, che apre le contrattazioni a -1,43%.

Sotto pressione American Express, con un forte ribasso dell’1,40%.

Soffre Boeing, che evidenzia una perdita dell’1,14%.

Preda dei venditori United Health, con un decremento dell’1,09%.

Al top tra i colossi tecnologici di Wall Street, si posizionano Mylan (+5,79%), Dish Network (+4,85%), Viacom (+3,24%) e Tesla Motors (+1,87%).

Fra i peggiori di oggi Biogen, che prosegue le contrattazioni a -5,72%.

Pessima performance per Seagate Technology, che registra un ribasso del 2,98%.

Sessione nera per Cognizant Technology Solutions, che lascia sul tappeto una perdita del 2,58%.

Si concentrano le vendite su Vodafone, che soffre un calo dell’1,80%.

Tra gli appuntamenti macroeconomici in uscita fra poco il Leading indicator (atteso 2,3%; preced. -4,4%).

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street apre in rosso con timori Covid e lite su Digital Tax