Wall Street ancora in stand-by

(Teleborsa) – Wall Street continua  gli scambi senza slancio, dopo che ieri, 19 giugno il Dow Jones e l’S&P 500 hanno aggiornato i massimi storici.

Dal fronte macro, l’unico dato in calendario ha mostrato un ampliamento del deficit delle partite correnti che tuttavia è stato migliore delle attese degli analisti.

Continuano gli interventi dei governatori Fed. Dopo quelli di Dudley e Evans che  hanno parlato di inflazione e politica monetaria, oggi a parlare è stato Eric Rosengren, Presidente della Fed di Boston. In un discorso tenutosi ad Amsterdam Rosengren ha affermato che l’era dei bassi tassi di interesse negli Stati Uniti e altrove pone rischi di stabilità finanziaria.

Tra gli indici a stelle e strisce, il Dow Jones  lima dello 0,09. Lo S&P-500 ha un andamento depresso e scambia sotto i livelli della vigilia in calo dello 0,39%. Leggermente negativo il Nasdaq 100 (-0,35%).

Tra i protagonisti del Dow Jones, Merck & Co (+1,73%), Pfizer (+1,43%), American Express (+0,90%) e Coca Cola (+0,86%).

I più forti ribassi, invece, si abbattono su General Electric, che continua la seduta con -1,89%.

Si concentrano le vendite su Nike, che soffre un calo dell’1,67%.

Vendite su Verizon Communication, che registra un ribasso dell’1,30%.

Seduta negativa per Walt Disney, che chiude gli scambi con una perdita dell’1,28%.

Al top tra i colossi tecnologici di Wall Street, si posizionano Regeneron Pharmaceuticals (+6,97%), Alexion Pharmaceuticals (+3,55%), Incyte (+3,21%) e Biogen (+3,13%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Ross Stores, che ottiene -4,10%.

Seduta drammatica per Viacom che crolla del 3,33%.

Sensibili perdite per Tractor Supply in calo del 3,24%.

In apnea KLA-Tencor, che arretra del 3%.

Wall Street ancora in stand-by