Wall Street alla deriva: soffiano venti di crisi dalla Cina

(Teleborsa) – Prima seduta dell’anno amara per Wall Street, che risente del crollo del mercato azionario cinese ma anche delle rinnovate tensioni geopolitiche tra Arabia Saudita e Iran.

Dal fronte macro hanno deluso sia l’ISM che il PMI manifatturiero. Sotto le attese anche le spese per costruzioni.

Il Dow Jones mostra una discesa del 2,03%, l’indice S&P-500 retrocede a 2.002 punti, -2,04%. Pessimo il Nasdaq 100 (-2,6%), come l’S&P 100 (-2,2%).

Andamento negativo per tutti i comparti, con in testa i Finanziari (-2,51%), Sanitario (-2,35%) e Beni di consumo secondari (-2,15%).

Giornata da dimenticare per tutte le Blue Chip del Dow Jones, che mostrano una performance negativa. Soffre Du Pont de Nemours, -4,22%, ma anche JP Morgan, -4,03%.

Lettera su Travelers Company, che registra un importante calo del 3,33%.

Affonda 3M, con un ribasso del 2,93%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Wall Street alla deriva: soffiano venti di crisi dalla Cina