von der Leyen, “scuse” all’Italia: “Europa ha cambiato passo, ora è con voi”

(Teleborsa) – Ammissione e “scuse” della Presidente della Commissione Ue Ursula Von der Leyen sulla gestione europea dell’emergenza coronavirus arrivano in una lettera inviata a la Repubblica: “Oggi l’Europa si mobilita al fianco dell’Italia, ma va riconosciuto che nei primi giorni della crisi, di fronte al bisogno di una risposta comune, in troppi hanno pensato solo ai problemi di casa propria”, scrive aggiungendo che oggi “l’Europa ha cambiato passo”, mostrandosi solidale. Poi rivendica gli aiuti messi in campo da Bruxelles anche per il nostro Paese.

UNITI VINCIAMO, DA SOLI SIAMO IN PERICOLO – Secondo la Presidente “possiamo sconfiggere questa pandemia solo insieme, come Unione”. Andare ciascuno per la propria strada, quindi, “è stato un comportamento dannoso e che poteva essere evitato. In questi giorni la distanza tra individui è fondamentale per la nostra sicurezza: la distanza tra nazioni europee, al contrario, mette tutti in pericolo”.

Il cambio di passo necessario, dunque, è arrivato e testimoniato, secondo l’ex Ministra tedesca, dalla serie di iniziative messe in campo per sostenere l’Italia colpita dalla crisi. Oltre all’invio di mascherine in Italia e Spagna e l’aver garantito la libera circolazione delle merci nell’Unione, nella lettera Von der Leyen, si sofferma in particolare sul neonato strumento SURE una sorta di cassa integrazione europea, “per la salvaguardia dell’occupazione nei Paesi più colpiti”.

Come ha spiegato ieri in un videomessaggio, l’idea è semplice: se non ci sono ordinativi, e le aziende non hanno lavoro per colpa di uno shock temporaneo esterno come il coronavirus, queste aziende – sottolinea – devono evitare di licenziare i loro dipendenti. Dovrebbero continuare a mantenerli al loro posto anche se c’è meno lavoro. Nel tempo libero, i lavoratori potranno seguire corsi di riqualificazione che portano benefici sia a loro che alla loro azienda. In questo modo, le persone non si ritrovano con i portafogli vuoti durante la crisi. Possono continuare a pagare l’affitto e a comprare ciò di cui hanno bisogno, con un impatto positivo per tutta l’economia”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

von der Leyen, “scuse” all’Italia: “Europa ha ...