von der Leyen, accordo rapido e ambizioso è priorità UE

(Teleborsa) – “Raggiungere un accordo rapido e ambizioso sul piano di rilancio europeo è la massima priorità dell’Unione europea per le prossime settimane”. E’ quanto si legge in una nota della Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen che annuncia di avere “invitato David Sassoli, Presidente del Parlamento europeo, Angela Merkel, Cancelliera tedesca e Charles Michel, Presidente del Consiglio europeo, in una riunione l’8 luglio per fare il punto sui progressi compiuti e preparare gli intensi negoziati politici che ci aspettano”

“È nostra responsabilità comune finalizzare senza indugio questo piano di risanamento e dimostrare a tutti gli europei che l’Unione è pronta ad agire per il bene di tutti”, ha aggiunto von der Leyen, ricordando che la “Commissione europea ha presentato proposte che forniscono una risposta energica alle esigenze di ripresa dell’Europa e getteranno le basi per un’economia più sostenibile e resiliente per le generazioni future”.

La Presidente dell’esecutivo comunitario sottolineando che “servirà una forte leadership politica per giungere a una conclusione rapida e fruttuosa” sul piano di rilancio europeo”, ha aggiunto che “da quando la Commissione ha presentato le sue proposte per Next Generation EU e un quadro finanziario pluriennale rivisto per il periodo 2021-2027, il 27 maggio scorso, sono stati avviati intensi contatti con il Parlamento europeo e il Consiglio” e che “questi scambi costruttivi hanno mostrato sia un desiderio comune di agire a favore della ripresa europea sia un terreno comune su molti aspetti del pacchetto di misure”

Fonti del Parlamento europeo annunciano che l’incontro tra von der Leyen, Sassoli, Michel e Merkel sul piano di rilancio europeo europeo e sul quadro pluriennale finanziario europeo si terrà mercoledì 8 luglio alle 18 al Parlamento europeo.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

von der Leyen, accordo rapido e ambizioso è priorità UE