Vivendi, Bolloré non molla la presa sull’Italia

(Teleborsa) – Italia è “essenziale” nella strategia di Vivendi per cui il gruppo francese non intende mollare la presa ne’ su Telecom ne’ su Mediaset. Un messaggio chiaro che non lascia spazio all’interpretazione quello che arriva dall’assemblea annuale degli azionisti di Vivendi riunita, oggi 25 aprile, nel cuore di Parigi, al teatro dell’Olympia. Vivendi è il primo azionista di Telecom Italia con il 23,9% e il secondo azionista di Mediaset con il 28,8%.

Vincent Bolloré primo azionista del colosso media francese ha le idee chiare. A pochi giorni dalla mossa dell’Agcom,(il gruppo francese deve scendere di quota entro un anno o nella società dei telefoni o in Mediaset), Bolloré chiarisce davanti ai soci la sua posizione su Telecom e Mediaset. “In Italia è complicato, ma possiamo fare meglio”, ha detto il manager.

Su Telecom, “il meglio deve ancora venire”, mentre su Mediaset, “le ambizioni restano invariate”. Non bastano dunque le richieste dell’Agcom  a convincere il finanziere a fare un passo indietro sul fonte italiano. “La Legge Gasparri dice che non abbiamo diritto ad avere il controllo delle due società. Non abbiamo capito come possiamo avere il controllo di Mediaset che è controllata dalla famiglia Berlusconi. Noi comunque certamente ottempereremo a quello che ci è chiesto e faremo il necessario”, ha spiegato Bollorè che ha poi aggiunto: “Siamo diventati i primi azionisti di Telecom per ampliare la nostra presenza in Italia che consideriamo cruciale”.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vivendi, Bolloré non molla la presa sull’Italia