Coronavirus, il CEO di Pfizer Bourla già nel mirino. “Operazione sospetta” sul vaccino?

Proprio nel giorno dell'annuncio dell'efficacia del vaccino Pfizer/BioNTech, il CEO di Pfizer Albert Bourla ha venduto azioni e guadagnato ben 5,6 milioni di dollari

All’annuncio dell’efficacia al 90% (poi arrivato al 95%) del vaccino anti-Covid Pfizer/BioNTech le Borse di tutto il mondo sono letteralmente esplose. Lunedì scorso le azioni Pfizer sono aumentate di oltre il 7%.

Le vendite di azioni di Bourla e Susman

La cosa curiosa è che proprio lo stesso giorno il CEO di Pfizer Albert Bourla ha venduto azioni del colosso farmaceutico per l’incredibile cifra di 5,6 milioni di dollari.

Secondo un documento depositato presso le autorità del mercato azionario statunitense, Bourla ha venduto 132.508 azioni a Wall Street al prezzo di 41,94 dollari, equivalenti a quasi 5,6 milioni di dollari (4,8 milioni di euro). In pratica, ha ceduto il 62% di tutte le azioni che aveva nella società che guida, incassando questa cifra.

Lo stesso giorno, anche Sally Susman, vicepresidente di Pfizer, ha venduto 43.662 azioni, per 1,8 milioni di dollari (1,5 milioni di euro). Pfizer, interrogata da AFP su queste vendite di titoli, non ha al momento fornito risposte.

Ricordiamo che Pfizer prevede fino a 50 milioni di dosi del vaccino prodotte quest’anno e fino a 1,3 miliardi di dosi nel 2021. A luglio, le società avevano già stretto un accordo di quasi 2 miliardi di dollari con il governo degli Stati Uniti per fornire 100 milioni di dosi.

La difesa di Pfizer

Alla CNN un portavoce del gruppo ha assicurato che queste operazioni finanziarie sono parte integrante di un piano di disinvestimento periodico già previsto. Ma la coincidenza di date non è passata certo inosservata. I giornali di tutto il mondo hanno riportato la notizia, sollevando in alcuni casi evidenti perplessità riguardo all’operazione, che potrebbe rivelare una presunta volontà di lucrare sul vaccino. Naturalmente tutto da dimostrare, nel caso.

Il programma, deciso nell’ambito della gestione finanziaria personale del CEO Bourla, sarebbe stato valido da agosto 2019, e i trasferimenti di titoli avrebbero dovuto essere effettivi quando il titolo avesse raggiunto un determinato prezzo. Cosa che è successa appunto lunedì. In un anno Bourla ha ricevuto 17,9 milioni di dollari di remunerazione diretta dal suo laboratorio.

Alla domanda sulla possibilità di annullare queste vendite in considerazione della situazione e di impedire ai due responsabili, Bourla e Susman, di “approfittare” dei rassicuranti progressi del vaccino, questi ultimi hanno solo indicato che si trattava di “piani predeterminati gestiti da un amministratore di terze parti”.

Quando si verificano situazioni come queste, i dirigenti aziendali che desiderano vendere dei loro titoli, generalmente per diversificare i portafogli, hanno la possibilità di posticipare le vendite programmate proprio per evitare di dare nell’occhio, rischiando di dare l’impressione di capitalizzare eventi una tantum che potrebbero aumentare le azioni dell’azienda. Esattamente com’è successo in questo caso.

Il caso Moderna

Fatti in realtà molto simili a quelli che hanno riguardato Moderna, anch’esso colosso farmaceutico in corsa per il vaccino contro il Coronavirus.

A settembre, anche i vertici di questa società biotecnologica americana avevano venduto azioni per 1,3 milioni di dollari (1,1 milioni di euro) subito dopo la pubblicazione dei risultati che annunciavano promettenti sperimentazioni cliniche.

Per alcuni, questo annuncio sarebbe stato un po’ sopravvalutato rispetto ai risultati effettivi e non avrebbe avuto altro scopo che quello di far salire il prezzo delle azioni Moderna.

Uno degli esperti della SEC Usa (Securities and Exchange Commission), che sospetta che questi signori abbiano “consapevolmente manipolato il mercato”, ha chiesto anche l’apertura di un’indagine rivolta a Moderna, con l’ipotesi di insider trading.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Coronavirus, il CEO di Pfizer Bourla già nel mirino. “Operazion...