Sprechi sanità, 215 milioni sui dispositivi per il diabete

L’Anac ha rilevato a quanto ammontano gli sprechi per i dispositivi per il diabete: ecco i numeri

Lo spreco ad opera del Servizio Sanitario Nazionale, è un argomento molto dibattuto e che torna sotto i riflettori ogni anno.

Fondazione Gimbe, all’interno del suo rapporto sulla sostenibilità, ha calcolato che nel 2017, il Servizio Sanitario ha sprecato quasi 1€ su 5, per un totale di oltre 21 miliardi di euro. Una cifra alta, che però è in leggero calo rispetto al 2016.

E ora l’Autorità Nazionale Anticorruzione (Anac), punta il dito contro gli sprechi registrati nel mercato dei dispositivi medici per il diabete. Si tratta di una delle patologie più frequenti, tanto che solo in Italia colpisce circa 4 milioni di persone. Il diabete di tipo 2 interessa ben il 90% dei casi ed è tipico dell’età matura. A causarlo è la quantità insufficiente di insulina prodotta dall’organismo oppure se quella prodotta, non agisce come dovrebbe. Ne consegue un incremento dei livelli di glucosio nel sangue.

L’Autorità Nazionale Anticorruzione, a seguito di diverse segnalazioni effettuate da parte di alcune associazioni a sostegno di coloro che soffrono di diabete, ha avviato un’indagine per conoscere i numeri effettivi legati alle spese dei dispositivi medici – e in generale della strumentazione – utilizzati nella gestione del diabete di tipo 2.

Dopo aver inviato dei questionari agli Assessorati regionali della salute, i dati emersi non sono molto incoraggianti. Ci sono regioni che non hanno il pieno controllo delle spese inerenti alla strumentazione: Sicilia e Campania ad esempio, non sono state in grado di fornire una comunicazione sulle spese effettuate in questo contesto. Inoltre, sono state rilevate anche delle forti oscillazioni di prezzo e che variano da regione e a regione. Ad esempio, la striscia che viene utilizzata per il controllo dell’insulina, viene pagata 19 centesimi dall’Emilia Romagna, ma ben il triplo dalla provincia di Bolzano.

Tra le regioni che registrano sprechi in questo contesto, c’è anche la Lombardia: la regione spende circa 78 milioni di euro all’anno, ma potrebbe ridurre i costi dal 22 al 40%.

In generale, gli sprechi registrati e legati alla lotta contro il diabete, ammontano a circa mezzo miliardo l’anno, ovvero 215 milioni di euro e riguardano strumenti come gli aghi per misurare la glicemia, i dispositivi per il controllo dell’indice diabetico, le siringhe per l’insulina. Una cifra, che potrebbe essere tranquillamente dimezzata, se i prezzi d’acquisto si uniformassero a quelli della regione più virtuosa.

Sprechi sanità, 215 milioni sui dispositivi per il diabete