Rating, da Fitch a Moody’s a Standard & Poor’s: cos’è e a cosa fare attenzione

La definizione di rating, come funziona, le classi e le agenzie di rating: cosa sapere per orientarsi

Il rating è una valutazione del profilo di rischio di una società o di un Paese, ovvero la sua capacità di generare le risorse necessarie a far fronte agli impegni presi e ai debiti contratti nei confronti dei creditori, espresso da un soggetto esterno e indipendente, la cosiddetta agenzia di rating.

Rating, la definizione

Di fatto, il rating è un giudizio sulle capacità di quella società o Stato di pagare o meno i propri debiti.

Il rating è periodicamente pubblicato da agenzie specializzate: le più famose sono Standard & Poor’s, Moody’s e Fitch. Per arrivare alla sua definizione, l’agenzia di rating elabora una sintesi frutto delle informazioni quantitative e qualitative che la banca ha a disposizione, in relazione all’insieme e allo storico delle informazioni disponibili.

Il rating è uno degli elementi che determinano il costo del prestito e le conseguenti condizioni di rimborso. Il rating può aiutare gli investitori a monitorare il valore del proprio investimento nel tempo: l’eventuale downgrade di un emittente da parte di un’agenzia di rating rappresenta infatti un chiaro segnale di allerta ai mercati e ai singoli investitori che, diversamente, non avrebbero la capacità di rilevare tempestivamente la necessità di ristrutturare le proprie attività.

Come viene espresso

Il rating viene espresso attraverso un voto in lettere, in base al quale il mercato stabilisce un premio per il rischio da richiedere all’azienda o al Paese per accettare quel determinato investimento.

Scendendo nel rating, aumenta il premio per il rischio richiesto e quindi l’emittente deve pagare uno spread maggiore.

Classi di rating

Standard & Poor’s

  • AAA Elevata capacità di ripagare il debito
  • AA Alta capacità di pagare il debito
  • A Solida capacità di ripagare il debito, che potrebbe essere influenzata da circostanze avverse
  • BBB Adeguata capacità di rimborso, che nel futuro potrebbe peggiorare
  • BB, B Debito prevalentemente speculativo
  • CCC, CC Debito altamente speculativo
  • D Società insolvente

Moody’s

  • Aaa Livello minimo di rischio, debito di ottima qualità
  • Aa Basso livello di rischio, qualità del debito molto buona
  • A Debito di buona qualità, potrebbe essere soggetto a rischio futuro
  • Baa Debito di media qualità ma soggetto a rischio futuro
  • Ba Debito con un certo rischio speculativo
  • B Debito con alto rischio speculativo
  • Caa, Ca, Investimento ad alto rischio
  • C, pericolo di insolvenza molto alto

Fitch

  • AAA Elevata capacità di ripagare il debito
  • AA Alta capacità di pagare il debito
  • A Solida capacità di ripagare il debito, che potrebbe essere influenzata da circostanze avverse
  • BBB Adeguata capacità di rimborso, che nel futuro potrebbe peggiorare
  • BB, B Debito prevalentemente speculativo
  • CCC Debito altamente speculativo
  • CC C D Società insolvente

Cosa succede con un declassamento

Se le imprese o gli Stati subiscono un declassamento del rating, nel breve periodo si verifica molto probabilmente un rialzo degli interessi applicati ai prestiti in corso, e quindi un aumento degli oneri finanziari.

Il declassamento consente di acquistare titoli quando tutto il mercato vende, per attendere la vendita delle proprie posizioni al primo riapprezzamento del titolo.

Più è alto il rischio che un investitore corre nell’acquistare un’obbligazione, tanto maggiore è il tasso d’interesse che questa paga. Ecco perché i titoli più rischiosi sono anche i più redditizi.

Le criticità

Tuttavia, sono molte le critiche mosse alle agenzie di rating e al giudizio che emettono. In particolare, si rischia di innescare un conflitto di interesse per quelle agenzie di rating che, oltre a pubblicare i rating stessi, svolgono anche l’attività di banca di investimenti.

Il rating, in questi casi, potrebbe essere strumentalizzato nell’interesse della banca, sopratutto per azioni speculative. Infatti, non raramente gli studi che portano alla definizione del rating lsono commissionati dalle stesse stesse società emittenti oggetto dell’indagine e singoli investitori con molta liquidità.

Il profitto di chi specula è più alto se il rialzo artificioso del rating e del prezzo sono preceduti da un declassamento immotivato da reali peggioramenti della solvibilità del soggetto.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Rating, da Fitch a Moody’s a Standard & Poor’s: cos&#8...