Vertice Ue, Conte: “Su nomine no a blocchi e logica austerity. Serve visione”

(Teleborsa) – “Ieri dopo un’intensa notte e un giorno, 18 ore e mezza di lavoro, ci siamo aggiornati a oggi, perché abbiamo cercato di far capire ai nostri colleghi che dobbiamo decidere tutti, che non possiamo avviare questa nuova legislatura europea sulla base di decisioni prese da un blocco precostituito di Paesi”. Al suo arrivo oggi a Bruxelles per partecipare alla ripresa del vertice Ue dedicato alle nuove nomine delle istituzioni europee, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha ribadito le ragioni che lo hanno portato a esprimersi contro il pacchetto di nomine proposto domenica sera sottolineando che “l’Europa è a 28, non a due, tre o quattro, non a blocchi”.

“Se l’Italia non partecipa alle decisioni, l’offesa non è al presidente del Consiglio italiano, ma a tutti i milioni di cittadini italiani che hanno regolarmente votato e, come tutti, hanno il diritto a essere rappresentati”, ha osservato Conte. Il Premier ha tenuto a negare, l’esistenza di un “asse” dell’Italia con i quattro Stati membri di Visegrad, e ha ricordato che l’opposizione che ha portato alla sospensione temporanea dei negoziati, ieri, oltre al nostro, contava altri 10 Paesi. “Sicuramente – ha proseguito Conte – con questi altri 10 paesi abbiamo sensibilità diverse , non c’è con loro una strategia, un’alleanza precostituita o predefinita. Semplicemente, siamo riusciti a coinvolgere altri paesi, tra cui quelli di Visegrad, ognuno con le sue differenti sensibilità, perché ci siamo ritrovati con un obiettivo comune. Quindi oggi siamo in questo Consiglio europeo consapevoli di poter tutti partecipare alle decisioni”. Per designare il presidente della Commissione, il Trattato Ue richiede una maggioranza qualificata rafforzata, con almeno 21 paesi che rappresentino il 65% della popolazione dell’Ue, dunque, per creare una minoranza di blocco, erano necessari almeno otto paesi.

Riguardo alle nomine Conte ha affermato che bisogna “individuare personalità che sappiano rinnovare il sogno europeo, che abbiano una chiara visione e sappiano esprimerla con coraggio, evitando di rifugiarsi nella angusta logica dell’austerity o affidarsi al primato della finanza. Vogliamo personalità che mettano al centro la crescita, i cittadini, le persone”. Alla guida della Commissione europea il Premier vede “possibilmente una donna con visione strategica, capacità e personalità”, e rivendica, all’interno del prossimo Esecutivo Ue, un commissario italiano con “un portafogli economico di peso”. Parlando di “metodo” Conte ha ribadito la sua contrarietà agli “Spitzenkandidat”, i “candidati capolista” presentati dai grandi partiti europei per la guida presidenza della Commissione, in quanto con tale criterio “le affiliazioni politiche prevalgono su tutte le altre considerazioni”. Per la scelta Conte propone di basarsi su criteri qualitativi, di distribuzione geografica e di genere. Tuttavia riguardo al “toto-nomi” non si sbilancia. “Ci sono dei candidati forti, personalità che io giudico migliori rispetto ad altre, sicuramente. Dobbiamo inventarci, secondo me, qualcosa di nuovo; non dico altro”. Sono esclusi, tuttavia, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente uscente della Bce Mario Draghi: “Sono due persone che io stimo, ma che personalmente mi hanno detto di non essere disponibili”, ha detto Conte. Tra i nomi trapelati nelle ultime ore, vista l’esigenza di rispettare il criterio della parità di genere, che sempre più leader dicono di sostenere, vi sono soprattutto quelli di alcune candidate donne, tutte della famiglia politica del Ppe: oltre alla bulgara Kristalina Georgieva, ex commissaria europea e attualmente direttore esecutivo della Banca Mondiale, che già eri appariva nei vari “pacchetti” di candidati proposti, sembra stia riemergendo la candidatura di Christine Lagarde, managing director del Fmi ed ex ministro delle Finanze francese; e comincia a circolare anche un nome del tutto nuovo: quello dell’attuale ministro della Difesa tedesca Ursula von der Leyen, ex “delfina” della cancelliera Angela Merkel.

CONTI PUBBLICI – Sulla situazione dell’Italia Conte – che appena arrivato ha partecipato a un incontro bilaterale con il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, durato un quarto d’ora – continua a mostrarsi ottimista. “I dati certificano la grande solidità della nostra economia, i conti pubblici migliorano, il deficit è in calo, aumentano le entrate, diminuisce la disoccupazione mentre sono in crescita gli occupati, al top da oltre 40 anni. Anche la curva dello spread tra Btp e Bund tedeschi, e con esso i rendimenti dei titoli di Stato decennali, sembra affrontare un’importante fase di calo” ha affermato il Premier.

“Dopo l’aggiornamento di bilancio fatto ieri in Consiglio dei ministri, ora il governo potrà inviare un documento ufficiale all’Europa mettendo sul piatto 7 miliardi di euro in più che consentono di essere perfettamente in linea con il famoso aggiustamento di bilancio che avevamo anticipato, ovvero il rapporto deficit/Pil al 2,04% nel 2019”, ha sottolineato Conte precisando che tali risorse non sono il frutto del “taglio di spese sociali o altro” ma derivano da “un aumento delle entrate e dei ricavi” e da “risparmi di spesa”.


© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vertice Ue, Conte: “Su nomine no a blocchi e logica austerity. S...