Veicoli commerciali, mercato in caduta libera a marzo (-72%)

(Teleborsa) – Come le auto anche le vendite di veicoli commerciali hanno subito le ripercussioni dell’epidemia di COVID-19, ma in questo caso il mercato era in contrazione già da 4 mesi.

Secondo gli ultimi dati pubblicati dall’UNRAE, associazione che rappresenta le case automobilistiche estere, si è registrato a marzo un calo del 72% delle immatricolazioni di autocarri leggeri (fino a 3,5 tonnellate) a 4.905 unità. Il primo trimestre 2020, dunque, archivia 32.792 immatricolazioni a fronte delle 46.083 dello stesso periodo dello scorso anno, in calo del 29%.

“Era inevitabile”, commenta Michele Crisci, Presidente dell’UNRAE, anticipando che questo calo “devastante” nella sua repentinità ed entità fa presagire risultati ancora peggiori nei mesi a venire, con una stima di contrazione del mercato nel 2020 di oltre il 40%.

“Qualunque sia l’evoluzione di una crisi senza precedenti – prosegue il Presidente – è assolutamente necessario che la filiera della distribuzione e assistenza automotive, con le sue migliaia di aziende e i suoi 160.000 dipendenti, sia messa nelle condizioni di poter sopravvivere”.

L’UNRAE auspica che le risorse del Dl Liquidità “siano prontamente erogate e non ritardate da lacci burocratici” e chiede “misure di supporto della domanda”, fra cui un alleggerimento fiscale sostanzioso sugli investimenti in beni strumentali, non sol a sostegno delle imprese, ma anche a vantaggio dell’ambiente e della sicurezza dei cittadini.

(Foto: © Dmitry Kalinovsky/123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Veicoli commerciali, mercato in caduta libera a marzo (-72%)