Vaccino, l’UE annuncia che non rinnoverà contratto Astrazeneca

(Teleborsa) – L’UE non rinnoverà il contratto con Astrazeneca per il vaccino anti-Covid che scadrà alla fine giugno. E’ l’annuncio formale di un divorzio dopo che la Commissione europea aveva già avviato un’azione legale contro l’azienda farmaceutica anglo-svedese per non aver rispettato i termini del precedente contratto.

Nel primo trimestre, Astrazeneca ha consegnato alla UE un quarto delle dosi previste dal contratto, ovvero 30 milioni di dosi rispetto ai 120 milioni pattuiti. Un ammanco che è stato parzialmente ripianato dallo stop di alcuni giorni imposto dall’EMA, per valutare gli aspetti relativi alla sicurezza del vaccino, dalla decisione di alcuni Paesi europei di abbandonare la somministrazione di questo vaccino e dall’aumento delle consegne di altri produttori, in particolare Pfizer.

“Non abbiamo rinnovato l’ordine dopo giugno. Vedremo cosa succederà”, ha affermato il commissario europeo Thierry Breton, aggiungendo che si sta lavorando con Pfizer sulla “seconda fase e sui vaccini di seconda generazione”.

Frattanto, in Italia il vaccino Vaxzevria di Astrazeneca non convince e restano tantissime dosi stipate in frigorifero in attesa di utilizzo. Sono un milione e mezzo le dosi non utilizzate e si stima che del vaccino Astrazeneca sia stato impiegato circa il 77% delle dosi consegnate, una percentuale molto bassa rispetto al competitor Pfizer (94%).

Una situazione che ha portato ad una carenza di vaccino, con il Lazio che ha già esaurito tutti gli slot per Pfizer e incita la popolazione ad effettuare prenotazioni con altri produttori, mentre il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, avverte che “c’è una carenza di vaccini a livello nazionale”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vaccino, l’UE annuncia che non rinnoverà contratto Astrazeneca