Vaccino, Astrazeneca dimezzerà le consegne anche nel secondo trimestre

(Teleborsa) – Astrazeneca potrebbe consegnare nel secondo trimestre meno dosi del vaccino anti-Covid all’Unione europea rispetto a quanto previsto dal contratto. Secondo quanto riferito da un funzionario europeo a Reuters, l’azienda farmaceutica dovrebbe consegnare “meno di 90 milioni di dosi” rispetto ai 180 milioni attesi.

Già nel primo trimestre Astrazeneca ha consegnato la metà delle dosi previste dal contratto: si parla di 40 milioni di dosi rispetto ai 90 milioni che si era impegnata a fornire. Per l’Italia si tratta di 10 milioni di dosi mancanti, pari a 5 milioni di vaccinati in meno.

La riduzione delle consegne del primo e secondo trimestre dell’anno, dunque, mette a rischio la possibilità di centrare il target di vaccinazioni del 70% della popolazione in UE.

“Siamo fiduciosi di poter avvicinare le nostre consegne all’accordo di acquisto”, ha assicurato un portavoce di AstraZeneca, assicurando che l’azienda farmaceutica sta lavorando per aumentare la produttività.

“Le discussioni sul programma di consegne di Astrazeneca sono in corso”, ha commentato un portavoce della commissione europea, aggiungendo che “l’azienda sta perfezionando il proprio programma” e che la UE “prevede di ricevere una proposta migliorata”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vaccino, Astrazeneca dimezzerà le consegne anche nel secondo trimestr...