Vaccini, Sileri: obbligo se a settembre non raggiunto target 80% di copertura

(Teleborsa) – Secondo il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, non è affatto tramontata l’ipotesi che prevede l’obbligo di vaccinazione anti Covid per la popolazione, in particolare per le fasce più a rischio. “Questa è l’ultima chiamata alle vaccinazioni. Se entro il 15 settembre non avremo superato la soglia dell’80% di popolazione che ha avviato il percorso di immunizzazione, dovremo valutare la possibilità di una forma di obbligo”, ha dichiarato Sileri in un’intervista a La Stampa.

“Andrei a proteggere chi ha più di 40 anni. Non possiamo continuare a rallentare il lavoro ordinario degli ospedali“, ha aggiunto il sottosegretario. Data la maggiore contagiosità della variante Delta Sileri ha anche parlato della necessità di alzare la soglia di copertura vaccinale: “dovremo salire all’80% della popolazione. Forse anche qualcosa di più”.


Per quel che riguarda l’obbligo vaccinale nelle aziende, invece, il sottosegretario alla Salute ha frenato, esprimendo il suo favore a un’estensione dell’uso del Green Pass, legandolo all’andamento del contagio e rendendo quindi “estremamente flessibile” per “evitare chiusure e restrizioni”. Più cauto invece in merito alla necessità di ricorrere ad una terza dose di vaccino. “Se vedremo un aumento dei casi tra chi si era vaccinato, perché la copertura dell’immunizzazione è scesa con il passare dei mesi – ha dichiarato – si dovrà fare una terza dose. Ma aspettiamo di leggere dati e numeri”.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Vaccini, Sileri: obbligo se a settembre non raggiunto target 80% di co...