Utility: maggiori investimenti e più attenzione alla sostenibilità

(Teleborsa) – Nel 2017, gli investimenti delle più grandi Utility italiane sono cresciuti del 25,6%, che hanno incrementato anche l’attenzione alla sostenibilità, sempre più strategica nella creazione di valore. È quanto si evince dalla settima edizione del rapporto Top Utility Analysis.

Secondo il rapporto, le 100 maggiori Utility operanti in Italia hanno generato un valore nella produzione pari a 112 miliardi, equivalenti al 6,5% del PIL italiano. Le grandi imprese sono un numero limitato, poiché solo il 12% di queste riesce a superare il miliardo di ricavi, mentre risultano essere di gran lunga più numerose quelle medio piccole e con un forte legame con il territorio. Tra le realtà, il 67% è a capitale pubblico, il 20% è misto, il 9% è quotato in borsa ed il 4% è privato. Nei bilanci di queste, si è espansa la voce di spesa legata agli investimenti in impianti, reti ed attrezzature nel 2017, cresciuta di ben 5,7 miliardi.

Lo studio, inoltre, ha evidenziato come stia crescendo l’attenzione alla sostenibilità. Nel 2017, infatti, sono state 51 le imprese che redatto un rapporto di sostenibilità, contro le 37 registrate nel 2016 e le 34 del 2015.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Utility: maggiori investimenti e più attenzione alla sostenibili...