USA, Yellen esclude nuove crisi finanziarie ma non si sbottona sui tassi

(Teleborsa) – Janet Yellen conferma il suo ottimismo sulla congiuntura statunitense.

Parlando in occasione di un incontro con il Presidente della British Academy Nicholas Stern, la Chairwoman della Federal Reserve ha dichiarato che grazie alla supervisione della Banca Centrale americana e agli elevati requisiti di capitale le banche USA sono “very much stronger”, “molto più forti”. Pertanto, ha spiegato, è “improbabile che si possa assistere ad una nuova crisi finanziaria durante la nostra vita”.

A conferma di ciò, l’ottimo esito del primo round di stress test sugli Istituti di credito statunitensi diffusi qualche giorno fa.

La Governatrice si è poi detta contraria alla deregulation della finanza invocata dal Presidente USA Donald Trump, associandosi a quanto dichiarato ieri, 27 giugno, dal Fondo Monetario Internazionale.

Quanto all’attuale politica monetaria della Fed e, in particolare, al dilemma sul rialzo o meno dei tassi di interesse, Janet Yellen si è limitata a constatare che l’inflazione continua a crescere a ritmi inferiori rispetto al target Fed del 2% e che l’Istituto centrale farà di tutto per evitare che i prezzi scendano troppo.

Per ora, ha poi aggiunto, “continuiamo ad adottare un approccio graduale in materia di tassi”.

USA, Yellen esclude nuove crisi finanziarie ma non si sbottona sui&nbs...