Usa, Trump proroga restrizioni fino al 30 aprile

(Teleborsa) – Continuano a crescere i numeri del coronavirus negli Stati Uniti dove si contano già oltre 2.500 vittime su oltre 100mila casi di positività. Retromarcia, dunque, per il Presidente Donald Trump che – nonostante appena qualche giorno fa fosse intenzionato ad allentare il blocco delle attività, preoccupato dal fatto che la crisi economica generata dal virus possa fare più vittime della pandemia stessa – ha deciso di prolungare le restrizioni per il contenimento fino al 30 aprile e quindi più del previsto.

L’emergenza negli States è tutt’altro che finita. Anzi, secondo Trump, adesso decisamente meno ottimista, il picco dei decessi si avrà “tra due settimane”. “Non c’è nulla di peggio che dichiarare vittoria prima di aver vinto”, spiega descrivendo il virus come una “piaga” e assicurando che gli Stati Uniti vinceranno la guerra. “Lo sconfiggeremo. Quello che voglio è riavere indietro la vita di prima negli Stati Uniti e nel mondo”, ribadisce.

Lo scenario si fa ancora più cupo quando parla di cifre e decessi provocati dal Covid-19: “Se potessimo limitarlo diciamo a 100.000 morti o meno, che comunque è un numero orribile”, dice il Presidente, si potrebbe dire che si è fatto un “buon lavoro”.

Incalzato su Russia e addirittura Cuba che si sono mosse in soccorso del nostro Paese, Trump ribatte: “stiamo lavorando a stretto contatto con l’Italia”, dove il “tasso di mortalità è alto”, “la stiamo aiutando molto” con forniture e assistenza finanziaria.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Usa, Trump proroga restrizioni fino al 30 aprile