USA, licenziamenti Challenger settembre aumentano a 17.895 unità

(Teleborsa) – Si registra una crescita dei licenziamenti negli Stati Uniti nel mese di settembre. Secondo il rapporto Challenger, Gray & Christmas, le principali società statunitensi hanno rilevato un taglio di circa 17.895 posti di lavoro. Il dato rivela un aumento del 14% rispetto al mese precedente, quando si erano registrati 15.723 licenziamenti, e un decremento dell’85% rispetto ai 118.804 dello stesso periodo del 2020.

Da inizio anno si sono registrati 265.221 licenziamenti (-87% rispetto al pari periodo del 2020). È il totale gennaio-settembre più basso mai registrato, col il secondo valore più basso che si è verificato nel 1997 (281.496 tagli nei primi nove mesi dell’anno).

“Le aziende assumono e cercano di trattenere lavoratori, e le persone in cerca di lavoro hanno molto potere di avanzare richieste in questo momento“, ha affermato Andrew Challenger, Senior Vice President di Challenger, Gray & Christmas. “Sappiamo che ci sono milioni di posizioni aperte, ma molti datori di lavoro hanno difficoltà a tenere il passo con i loro candidati, impiegano troppo tempo per raggiungerli, non facendo offerte abbastanza velocemente o perdendo le offerte più interessanti”, ha aggiunto.

Come ad agosto, i tagli sono stati guidati dalle aziende del settore Health Care/Products a settembre, che hanno annunciato 2.673 tagli. “L’assistenza sanitaria sta affrontando un’enorme carenza di talenti, poiché il personale medico e di supporto si allontana da situazioni di lavoro stressanti e salari che potrebbero sembrare inadeguati per la quantità di lavoro. Altri sistemi stanno affrontando scioperi o licenziamenti di personale non vaccinato, ampliando ulteriormente la carenza di lavoratori”, si legge nel rapporto.

I produttori di beni industriali hanno annunciato il secondo maggior numero di tagli a settembre con 2.328 e Warehousing ha seguito con 1.936. Entrambi i settori sono afflitti da problemi nella catena di approvvigionamento. Il settore dei servizi ha annunciato 1.679 tagli di posti di lavoro a settembre, mentre le aziende tecnologiche ne hanno annunciati 1.546.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

USA, licenziamenti Challenger settembre aumentano a 17.895 unità