Usa, licenziamenti Challenger da record a febbraio

(Teleborsa) – Aumentano i licenziamenti negli Stati Uniti. Secondo il rapporto Challenger, Gray & Christmas, le principali società statunitensi hanno rilevato a febbraio un taglio di quasi 76.835 mila posti di lavoro, in aumento del 44,9% rispetto a gennaio (53 mila unità).

Il dato risulta anche in aumento del 117,2% rispetto alle 35.369 unità registrate nello stesso periodo del 2018. Tale livello risulta il più alto registrato dal mese di luglio 2015 (quando furono 105.696 posti).

Usa, licenziamenti Challenger da record a febbraio