USA, l’economia crea più occupazione del previsto a febbraio

(Teleborsa) – L’economia statunitense continua a creare più posti di lavoro del previsto.

A febbraio sono state aperte 313 mila buste paga nei settori non agricoli (non-farm payrolls), in aumento rispetto alle 239 mila di gennaio (dato rivisto al rialzo rispetto alle 200 mila preliminari) e al di sopra delle attese, pari a 200 mila unità.

Lo riporta il Bureau of Labour Statistics, secondo cui gli occupati del settore manifatturiero sono aumentati di 31 mila unità, dunque a un ritmo più veloce rispetto ai +25 mila rivisti del mese precedente (+15 mila la prima lettura) e contro i 17 mila stimati dal consensus.

Stabile il tasso di disoccupazione che si conferma al 4,1%, come da attese, mentre il numero di disoccupati è salito leggermente a 6,7 milioni.

Le retribuzioni medie orarie, infine, sono aumentate a 34,5 dollari dai 34,4 precedenti. Il dato è superiore alle attese del mercato che erano per un valore invariato.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

USA, l’economia crea più occupazione del previsto a febbraio