Università Modena e Reggio Emilia, Laurea Honoris Causa a Fabio Storchi Presidente Unindustria

(Teleborsa) –

Laurea Honoris Causa all’imprenditore reggiano e Presidente di Unindustria Reggio Emilia Fabio Storchi che è da oggi lunedì 27 maggio 2019 Dottore magistrale in Ingegneria Meccatronica. Il prestigioso titolo accademico gli è stato conferito nel corso di una cerimonia a Palazzo Dossetti di Reggio Emilia dal Magnifico Rettore, prof. Angelo O. Andrisano.

Dopo una vita spesa a sviluppare e render sempre migliore l’azienda di famiglia, la Comer Industries SpA, e i numerosi riconoscimenti professionali ed attestati di stima via via ricevuti, Fabio Storchi è entrato di diritto nel Pantheon dei laureati ad honorem dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.

L’Ateneo emiliano ha infatti attribuito all’imprenditore di Reggiolo (RE) il più importante titolo accademico che storicamente viene conferito a “personalità i cui meriti scientifici, umanitari e sociali siano di indubbio rilievo e siano chiaramente riconosciuti come tali, anche a livello pubblico”.

Le ragioni del “riconoscimento” del Dipartimento di Scienze e Metodi dell’Ingegneria, sono riassunte nelle parole pronunciate dal suo Direttore prof. Cesare Fantuzzi durante la lettura delle motivazioni: “La prestigiosa attività imprenditoriale, principalmente nei settori meccanico e meccatronico, l’impegno e le competenze profusi nelle importanti istituzioni in cui ha ricoperto ruoli ai massimi livelli, l’attenzione e la sensibilità verso la comunità nella quale vive e opera, il sostegno fornito allo sviluppo stesso del nostro Ateneo testimoniano l’eccellenza del percorso professionale e umano di Fabio Storchi e motivano eloquentemente la richiesta di conferimento ad Honorem della Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica”.

Fabio Storchi è il secondo reggiano, dopo Romano Prodi, a ricevere questo privilegio dal corpo accademico dell’università di Modena da quando esiste la sede Unimore di Reggio Emilia ed il primo a ricevere dall’Ateneo la Laurea magistrale appunto in Ingegneria Meccatronica.

Il compito di presentare il laureando è stato affidato al prof. Riccardo Rubini di Unimore: “Fabio Storchi ha assunto il ruolo di traghettatore tra due mondi, scuola e professione, spesso così distanti – ha sottolineato Rubini – e le iniziative che lo hanno coinvolto personalmente sono state molteplici, locali e nazionali, ed hanno portato risultati eccellenti, mai isolati, ma in grado di innescare sempre altre opportunità. Se una rivoluzione industriale è imminente, è opportuno intuirlo prima che accada…da questo punto di vista Fabio Storchi ha dimostrato di essere spesso un passo avanti agli altri”.

Fabio Storchi, nell’esposizione della sua lectio magistralis ha ripercorso l’avventura che lo ha portato dalla campagna, in cui era nato e cresciuto, all’industria dove ha realizzato due importanti realtà come Comer Industries e Vimi Fasteners. La Meccatronica rappresenta un settore della meccanica avanzata fortemente radicato a Reggio Emilia, di cui Fabio Storchi è stato un pioniere. Ha promosso le prime ricerche del settore, ha costituito il Club Meccatronica degli industriali reggiani e ha partecipato attivamente alla costituzione del Dipartimento di Scienze e Metodi dell’Ingegneria e, in particolare, del corso di laurea in Ingegneria Meccatronica.

E rivolgendosi agli studenti, li ha invitati a “guardare il mondo con nuovi occhi per comprendere le nuove sfide e le grandi opportunità offerte dalla quarta rivoluzione industriale”, sollecitando i giovani “allo studio, a non avere paura del futuro” ed esortandoli “a mettersi in gioco, a sognare e ad impegnarsi per realizzare i propri sogni”. Ha ricordato, infine, che ai suoi giovani collaboratori non si stanca mai di ripetere: “Provateci sempre, non arrendetevi mai”.

Fabio Storchi é Presidente e Legale rappresentante della holding di famiglia Finregg Spa di Reggiolo (RE), che opera in settori diversi?cati, afferenti a partecipazioni societarie in ambito industriale del settore meccanico, ad investimenti immobiliari e ?nanziari. Ha iniziato l’attività imprenditoriale nel 1970 come socio fondatore di Comer Industries Spa, di cui è stato Presidente e amministratore delegato dal 1973 al 2018.

Attualmente è presidente di Vimi Fasteners Spa, società leader nella progettazione e produzione di organi meccanici di ?ssaggio, quotata in Borsa Italiana, sul mercato Aim dal 2 agosto 2018. All’attività imprenditoriale Storchi ha af?ancato un importante impegno associativo. E’ Presidente di Unindustria Reggio Emilia ed è membro del Consiglio Generale di Con?ndustria, dopo essere stato presidente di Federmeccanica, nonché Presidente della Commissione Scuola e Formazione e del Board of Education di Confindustria.

Dal 1996 al 2002 ha fatto parte del Consiglio di Amministrazione di Reggio Città degli Studi Spa, società che ha promosso l’insediamento universitario a Reggio Emilia, culminato con la creazione di Unimore, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Dal 1998 al 2001 è stato membro del CDA di Unimore. Principale promotore dello sviluppo del cluster della Meccatronica nel territorio emiliano, nel 2003 Storchi è tra i fondatori del Club Meccatronica che unisce imprenditori, manager, docenti universitari e liberi professionisti interessati a sviluppare la cultura tecnica e gli ambiti industriali di intervento della tecnologia meccatronica.

Ogni anno il Club Meccatronica, insieme a Unindustria Reggio Emilia, organizza il Premio Italiano Meccatronica con cui promuove la cultura della tecnologia meccatronica nei diversi settori dell’industria meccanica nazionale. Storchi è inoltre reggente censore del Consiglio di Reggenza presso la sede di Bologna della Banca d’Italia. Nel 2018, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha nominato Fabio Storchi Cavaliere al merito del Lavoro per essersi reso singolarmente benemerito nel campo della meccatronica industriale.

prof. Riccardo Rubini, che ne ha descritto i meriti e percorso la lunga carriera. “Per più della metà della sua vita lavorativa – ha affermato il prof. Riccardo Rubini – Fabio Storchi ha assunto il ruolo di traghettatore tra due mondi, scuola e professione, spesso così distanti. Le iniziative che lo hanno coinvolto personalmente sono state molteplici, locali e nazionali, ed hanno portato risultati eccellenti, mai isolati, ma in grado di innescare sempre altre opportunità”.

“La formazione professionale – ha sottolineato Riccardo Rubini di Unimore – è sempre stata concepita da Fabio Storchi come strumento necessario per affrontare le sfide che la globalizzazione impone alle imprese, le quali devono essere capaci di innovare per mantenersi competitive. Se una rivoluzione industriale è imminente, è opportuno intuirlo prima che accada…da questo punto di vista Fabio Storchi ha dimostrato di essere spesso un passo avanti agli altri”.

Fabio Storchi, nell’esposizione della sua lectio magistralis ha ripercorso l’avventura che lo ha portato dalla campagna, in cui era nato e cresciuto, all’industria dove ha realizzato due importanti realtà come Comer Industries e Vimi Fasteners. Insieme alla famiglia e a migliaia di collaboratori ha creato aziende che operano con successo sui mercati internazionali, grazie all’innovazione continua dei prodotti che, con l’applicazione delle nuove tecnologie, si sono trasformati nel tempo da trasmissioni meccaniche a sistemi integrati di meccatronica.

La Meccatronica rappresenta un settore della meccanica avanzata fortemente radicato a Reggio Emilia, di cui Fabio Storchi è stato un pioniere partecipando alla costituzione del Dipartimento di Scienze e Metodi dell’Ingegneria e, in particolare, proprio del corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. E rivolgendosi agli studenti, li ha invitati a “guardare il mondo con nuovi occhi per comprendere le nuove sfide e le grandi opportunità offerte dalla quarta rivoluzione industriale”.

In ogni passaggio della sua “lectio magistralis”, Fabio Storchi ha cercato di offrire spunti di riflessione ai giovani: sul lavoro, sulla cultura, sull’impegno civile e sulla indispensabile necessità di apprendere a collaborare; quel “fare insieme che rappresenta la cifra distintiva dell’imprenditore” e del cittadino Fabio Storchi. Nelle sue conclusioni ha invitato i giovani allo studio, a non avere paura del futuro, esortandoli a mettersi in gioco, a sognare e ad impegnarsi per realizzare i propri sogni.

Fabio Storchi é Presidente e Legale rappresentante della holding di famiglia Finregg Spa di Reggiolo (RE), che opera in settori diversi?cati, afferenti a partecipazioni societarie in ambito industriale del settore meccanico, ad investimenti immobiliari e ?nanziari. Ha iniziato l’attività imprenditoriale nel 1970 come socio fondatore di Comer Industries Spa, di cui è stato presidente e amministratore delegato dal 1973 al 2018. Attualmente è presidente di Vimi Fasteners Spa, società leader nella progettazione e produzione di organi meccanici di ?ssaggio, quotata in Borsa Italiana, sul mercato Aim dal 2 agosto 2018.

Di rilievo il suo impegno associativo condotto assieme all’attività imprenditoriale. Tra gli incarichi ricoperti, Fabio Storchi è attualmente Presidente di Unindustria Reggio Emilia e membro del Consiglio Generale di Con?ndustria, dopo essere stato Presidente di Federmeccanica, nonché Presidente della Commissione Scuola e Formazione e del Board of Education di Confindustria. E’ anche reggente censore del Consiglio di reggenza presso la sede di Bologna della Banca d’Italia.

Dal 1996 al 2002 ha fatto parte del Consiglio di Amministrazione di Reggio Città degli Studi Spa, società che ha promosso l’insediamento universitario a Reggio Emilia, culminato con la creazione di Unimore, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, di cui è stato componente nel CDA dal 1998 al 2001. Nel 2018, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha nominato Fabio Storchi Cavaliere al merito del Lavoro per essersi reso singolarmente benemerito nel campo della meccatronica industriale.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Università Modena e Reggio Emilia, Laurea Honoris Causa a Fabio Storc...