Unioni civili, Renzi attacca gli estremismi e difende la scelta della fiducia

(Teleborsa) – Superato il primo scoglio dell’approvazione al Senato, il ddl Cirinnà sulle Unioni civili, è ora approdato alla Camera, sperando in ben altre conquiste. Il Pd punta ora a superare gli ostacoli che hanno bloccato il tema delle adozioni. 

E mentre il provvedimento approda in Commissione Giustizia, il Premier Matteo Renzi torna sul tema, allargando poi la panoramica al modo in cui questo governo sta portando avanti le riforme ed attaccando gli “opposti estremismi”.

“E’finito il tempo in cui in Italia qualcuno aveva un diritto di veto, di blocco”, scrive il numero uno del governo nella sua enews giornaliera. Poi, sull’accusa di un uso indiscriminato dello strumento della fiducia, Renzi afferma: “Siamo andati avanti sulle riforme anche quando i più ci dicevano di fermarci. A colpi di fiducia? Sì. Anche a colpi di fiducia quando era necessario”.

“La legge sulle unioni civili potrà non essere perfetta, ma nessuna legge lo è”, ammette Renzi, aggiungendo”Potrà avere dei limiti, è ovvio. Ma segna oggettivamente un grande passo in avanti per i diritti dei cittadini omosessuali e quindi per i diritti degli italiani”.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Unioni civili, Renzi attacca gli estremismi e difende la scelta della&...