Unione di Deutsche Boerse e London Stock Exchange fermata dall’Antitrust

(Teleborsa) – La fusione tra London Stock Exchange  e Deutsche Boerse non si farà. Lo ha stabilito l’Antitrust europea che ha proibito in maniera categorica  questa operazione. Dopo i tira e molla delle due società, a mettere la parola fine ci ha pensato l’authority  chiamata ad esprimere il proprio parere.
“L’indagine della Commissione – spiega una nota – ha concluso che la fusione porterebbe di fatto a un monopolio nei mercati di clearing sugli strumenti a reddito fisso” in cui le parti sono gli unici a fornire tali servizi.

Il London Stock Exchange controlla anche la Borsa di Milano e la piattaforma sui titoli di Stato MTS.

“L’economia europea dipende dal corretto funzionamento dei mercati. Non è importante solo per banche e istituzioni finanziarie. Quando le imprese riescono a raccogliere finanziamenti su mercati finanziari concorrenziali, è l’intera economia a trarne beneficio”, ha rilevato il  commissario europea alla Concorrenza, Margarethe Vestager che ha spiegato: “la fusione tra Deutsche Boerse e il London Stock Exchange ridurrebbe in maniera significativa la concorrenza. Dato che le parti non sono riuscite a porre rimedi ai nostri rilievi sulla concorrenza – ha aggiunto la Vestager. Ecco perchè la Commissione ha deciso di proibire la fusione”.

 

Unione di Deutsche Boerse e London Stock Exchange fermata dall’A...