Unicredit, Mustier lascerà incarico senza buona uscita

(Teleborsa) – Il Consiglio di Amministrazione di UniCredit ha approvato le condizioni per l’accordo di risoluzione del rapporto con l’Amministratore Delegato Jean Pierre Mustier, a seguito delle sue dimissioni a partire da aprile 2021, in occasione dell’assemblea per l’approvazione del Bilancio 2020.

Mustier lascerà il Gruppo senza preavviso e senza alcuna buona uscita, né alcuna altra indennità di cessazione, se non quelle obbligatorie dovute per legge e per contratto in qualità di Direttore Generale (competenze di fine rapporto).

L’attuale Ad ha anche rinunciato a qualsiasi pretesa nei confronti della Banca e del Gruppo, compresi gli eventuali diritti derivanti dal Long Term Incentive Plan 2020/2023, dopo aver già rinunciato al suo potenziale diritto alla quota 2020 del LTIP nell’aprile 2020, riconoscendo le priorità degli stakeholder della banca e come risposta personale all’impatto dell’emergenza Covid 2019.

La Banca, a sua volta, concede all’Ad uscente il diritto a mantenere, come “Good Leaver”, i suoi diritti nell’ambito del Piano di Incentivazione a Lungo Termine 2017/2019, corrispondenti a 486.391 azioni UniCredit, sulla base della valutazione della performance effettuata dal Consiglio di Amministrazione nel febbraio 2020. Tale diritto maturerà nel 2024 ed è soggetto a clausole di malus e claw-back.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Unicredit, Mustier lascerà incarico senza buona uscita