Ultimo extratime per Alitalia

(Teleborsa) – Ultimo extratime per Alitalia, che gioca l’ultimo spezzone della sua lunga partita con la sostituzione di uno dei protagonisti in campo. L’uscita di scena di Giovanni Castellucci, con l’abbandono del ruolo di a.d. di Atlantia, ha comportato il cambio modulo della società, con il trasferimento in via temporanea delle deleghe esecutive a un Comitato composto da cinque consiglieri (Fabio Cerchiai, Carlo Bertazzo, Anna Chiara Invernizzi, Gioia Ghezzi e Carlo Malacarne) e contestuale nomina del Chief Financial Officer Giancarlo Guenzi a Direttore Generale. Chiunque sia l’interlocutore designato a gestire, per conto Atlantia, il dossier Alitalia, gli schemi di gioco non mutano.
Non ci saranno ulteriori proroghe per la presentazione ultima dell’offerta vincolante, fissata al 15 ottobre, da parte della cordata guidata da Ferrovie dello Stato. La posizione di Delta Air Lines, partner industriale designato ad affiancare FS e Atlantia con aggiunta del 15% di quota ministeriale ad accordo definito, è la stessa di quando è stata avviata la trattativa, ovvero la partecipazione al 10% e nessuna ipotesi di coinvolgimento in future ricapitalizzazioni in quanto “ciò presupporrebbe una continuità di perdita di cassa, contraria a un sano business plan”. Il che significa che quanto ribadito da Ed Bastian, ad del vettore americano, non sposta di una virgola il contenuto della proposta.
La vera quadratura del cerchio consiste nella composizione della flotta della Newco Alitalia, che dovrà essere necessariamente performante sotto l’aspetto dei costi gestionali, posto che la compagnia aerea attuale, nonostante l’erosione delle disponibilità economiche, ha dimostrato buona efficienza operativa e gradimento in crescita da parte dell’utenza, soprattutto sulle tratte intercontinentali. Delta Air Lines è disposta ad agevolare la presenza di Alitalia sulle destinazioni del nord America, tenendo conto di equilibri e limitazioni derivanti dagli interessi del consorzio Blu Skies, creato con Virgin Atlantic e Air France-Klm, e in cui si attende di capire quale potrà essere il ruolo della Newco, in veste di partner effettivo o associato.

Oggi intanto al Mise si discute della proroga di ulteriori sei mesi della cassa integrazione, in scadenza il 23 settembre, e che riguarda 830 dipendenti. Un numero, a quanto sembra, destinato a salire a 1.180.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ultimo extratime per Alitalia