UE, Piani nazionali energia e clima presentati da 19 Paesi

(Teleborsa) – Solo 19 dei 27 Stati membri dell’UE, tra i quai l’Italia, hanno presentato, ad oggi, i loro Piano nazionali integrati per l’energia e il clima, previsti dal quadro europeo che ha fissato obiettivi di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra del 40% (rispetto ai livelli del 1990). Lo ha riferito a Bruxelles un Portavoce della Commissione europea annunciando che saranno inviate delle lettere ai ministri competenti degli Stati membri in ritardo, per sollecitarli a presentare i piani.

Il quadro europeo per il clima e l’energia, che comprende anche altri due obiettivi chiave per il 2030, l’aumento ad almeno il 32% della quota prodotta da fonti rinnovabili nel consumo finale di energia, e un miglioramento almeno del 32,5% dell’efficienza energetica (entrambi questi obiettivi sono stati rivisti al rialzo nel 2018), prevedeva che i piani nazionali integrati, riguardanti il periodo 2021-2030, fossero presentati entro la fine del 2019.

I 19 paesi che li hanno presentati finora sono: Austria, Belgio, Repubblica ceca, Croazia, Ungheria, Danimarca, Estonia, Finlandia, Grecia, Italia, Lettonia, Lituania, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Svezia e Slovacchia.

Gli obiettivi del 2030 per clima ed energia saranno comunque rivisti e resi più ambiziosi per adeguarli alla nuova strategia UE che punta alla “neutralità climatica” entro il 2050; e proprio in quest’ottica, la Commissione presenterà una proposta nei prossimi mesi.

Clima, temperature record in Antartide – Intanto, si continua a discutere di cambiamento climatico. “Le temperature record registrate in queste ore in Antartide sono davvero scioccanti, ma purtroppo non ci sorprendono, dal momento che questa regione si sta riscaldando insieme al resto del Pianeta”. Lo ha detto Frida Bengtsson, a capo di una spedizione scientifica di Greenpeace in corso nell’Oceano Antartico, commenta quanto rilevato dalla base di ricerca argentina Esperanza.

“Per proteggere l’Antartide e altri ecosistemi unici come questo, dobbiamo smettere di bruciare combustibili fossili e sottoscrivere un nuovo trattato globale che permetta di tutelare almeno il 30% dei nostri oceani dagli impatti delle attività umane”, conclude Bengtsson.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

UE, Piani nazionali energia e clima presentati da 19 Paesi