Ue, maxi multa da 4,3 miliardi a Google

(Teleborsa) – Maxi multa a Google dalla Commissione Europea, per aver imposto dal 2011 “restrizioni illegali” ai produttori di apparecchi Android per consolidare la sua posizione dominante nel campo della ricerca su dispositivi mobili. 

Si tratta di 4,34 miliardi di euro, cifra record. Concessi 90 giorni di tempo per mettere fine alle pratiche scorrette altrimenti l’azienda di Mountain View rischia di pagare una penale del 5% del fatturato di Alphabet, la casa madre.

“Il nostro caso riguarda tre tipi di restrizioni che Google ha imposto ai produttori di apparecchi Android e operatori di rete per assicurarsi che il loro traffico andasse verso il motore di ricerca di Google – ha dichiarato la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager – . In questo modo, Google ha usato Android come veicolo per consolidare il dominio del suo motore di ricerca. Pratiche che hanno negato ai rivali la possibilità di innovare e competere sui meriti. E hanno negato ai consumatori europei i benefici di una concorrenza efficace nella importante sfera mobile. Questo è illegale per le regole dell’antitrust Ue”, ha concluso la Vestager.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ue, maxi multa da 4,3 miliardi a Google