Udir, spinge per miglioramenti sicurezza antincendio delle scuole

(Teleborsa) – Ad oggi, intorno alla figura del dirigente scolastico, persistono gravi incongruenze normative. Se da un lato viene attribuita a queste figure la responsabilità della sicurezza in quanto datori di lavoro, dall’altra viene ignorato il fatto che gli edifici scolastici sono di proprietà degli enti locali (comuni, provincie ed aree metropolitane) e soltanto a loro la normativa vigente impone gli obblighi relativi agli interventi strutturali, al fine di mettere in sicurezza gli edifici e quindi di conseguenza gli studenti e tutti gli operatori scolastici.

Altro problema che i dirigenti sono costretti ad affrontare è che, a causa di questa premessa, non venga attribuita loro direttamente alcuna risorsa economica per esercitare eventualmente tale responsabilità o intervenire autonomamente in via ordinaria o straordinaria sui rischi delle strutture scolastiche inadeguate o inefficienti.

Per questo motivo il sindacato UDIR si è sempre battuto per la messa in sicurezza degli edifici scolastici, nonché per la salvaguardia delle responsabilità civili e penali dei dirigenti scolastici in Italia. In merito alla sicurezza antincendio delle scuole, ad esempio, sono già disponibili i dati dell’Anagrafe dell’edilizia scolastica, per singolo istituto scolastico.

Il Ministero inoltre ha anche avviato una mappatura satellitare delle scuole per poter verificare eventuali spostamenti, anche millimetrici, degli stessi negli ultimi 8 anni e far partire i necessari controlli. Su questo argomento per di più, dall’ultimo aggiornamento dell’Anagrafe, è emerso un dato tutt’altro che rassicurante. In Italia infatti esiste un patrimonio edilizio scolastico composto da 40.151 edifici attivi che fanno capo agli enti locali, di cui ben il 46,8% non possiede il certificato di collaudo statico, il 59,5% non ha quello di prevenzione incendi, il 21,4% delle scuole non ha il piano di emergenza, il 42,5% degli edifici non è dotato di accorgimenti per ridurre i consumi energetici e il 25,5% degli edifici non ha abbattute le barriere architettoniche per i diversamente abili.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Udir, spinge per miglioramenti sicurezza antincendio delle scuole