Tutti positivi i mercati del Vecchio Continente

(Teleborsa) – Acquisti diffusi sui listini azionari europei, con il FTSE MIB che mette a segno la stessa performance positiva del Vecchio Continente in attesa di conoscere i dettagli della revisione della Manovra. Il Governo giallo-verde sta cercando di venire incontro alle richieste di Bruxelles per non incorrere nell’apertura della procedura per deficit eccessivo.

L’Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile su 1,128. Poco mosso l’oro a quota 1.212,9 dollari l’oncia. Pioggia di acquisti sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mostra un guadagno dell’1,59%.

Consolida i livelli della vigilia lo spread, attestandosi a +295 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 3,29%.

Tra i mercati del Vecchio Continente piccolo passo in avanti per Francoforte, che mostra un progresso dello 0,38%, composta Londra, che cresce di un modesto +0,55%, bene Parigi che sale dello 0,35%.

Lieve aumento per la borsa milanese, con il FTSE MIB che sale dello 0,45% a 19.237 punti; sulla stessa linea, lieve aumento per il FTSE Italia All-Share, che si porta a 21.119 punti. In frazionale progresso il FTSE Italia Mid Cap (+0,48%), come il FTSE Italia Star (0,3%).

Buona la performance a Milano dei comparti bancario (+0,66%), petrolio (+0,61%) e assicurativo (+0,52%). In fondo alla classifica, sensibili ribassi si manifestano nel comparto telecomunicazioni, che riporta una flessione di -1,01%.

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, effervescente Banco BPM, con un progresso del 3%.

Ben comprata BPER, che segna un forte rialzo dell’1,86%.

Saipem avanza dell’1,37%.

Si muove in territorio positivo Unipol, mostrando un incremento dell’1,11%.

Le peggiori performance, invece, si registrano su Telecom Italia, che ottiene -1,63%.

Giornata fiacca per Luxottica, che segna un calo dello 0,76%.

Piccola perdita per Atlantia, che scambia con un -0,62%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Anima Holding (+2,02%), Sias (+1,71%), El.En (+1,64%) e Italmobiliare (+1,61%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Juventus -0,78%. Tentenna Biesse, che cede lo 0,71%. Sostanzialmente debole Aeroporto di Bologna, che registra una flessione dello 0,68%.

Tutti positivi i mercati del Vecchio Continente