Tutti positivi i Mercati del Vecchio Continente

(Teleborsa) – Le principali piazze europee tagliano il traguardo di metà seduta in territorio positivo confermando l’intonazione rialzista dell’avvio. Il focus degli investitori questa settimana resterà sulle banche centrali, con particolare attenzione alla audizione del numero uno della Fed, Janet Yellen, alla Camera USA e al Senato. 

L’Euro / Dollaro USA mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1,139, nonostante il lieve peggioramento dell’indice Sentix. Sessione debole per l’oro, che scambia con un calo dello 0,31%. Vendite diffuse sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua la giornata a 43,83 dollari per barile.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota 173 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,27%.

Nello scenario borsistico europeo resistente Francoforte, che segna un piccolo aumento dello 0,53%. Londra avanza dello 0,20% seguita da Parigi, con un incremento dello 0,29%. Lieve aumento per la Borsa di Milano, che mostra sul FTSE MIB un rialzo dello 0,69% sostenuta dagli acquisti sul comparto energetico e bancario. 

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti Utility (+1,86%), Tecnologico (+1,56%) e Servizi per la finanza (+1,19%). In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si manifestano nei comparti Vendite al dettaglio (-1,77%), Telecomunicazioni (-1,73%) e Media (-0,70%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, brilla Italgas, con un forte incremento (+2,9%). Ottima performance per Enel, che registra un progresso del 2,33%.

Continua il denaro su STMicroelectronics, che cresce dell’1,90%.

Tra le banche viaggia sostenuta Banco BPM, +1,76% protagonista a Piazza Affari su rumors circa il processo di creazione di un grande polo nel risparmio gestito, con il coinvolgimento di Anima Holding (+5,30%) e Poste Italiane e della stessa Banco BPM. Sulla scia volano tutti i titoli del risparmio gestito.

I più forti ribassi, invece, si verificano su Yoox, che continua la seduta con -3,03% complici le prese di profitto. Luxottica e Ferragamo sono finiti nel mirino degli analisti. 

Crolla Telecom Italia, con una flessione del 2,17%: Standard Ethics ha ridotto il rating sul titolo a E da E+.

Tutti positivi i Mercati del Vecchio Continente