Tutti positivi i Mercati del Vecchio Continente

(Teleborsa) – Acquisti diffusi sui listini azionari europei, con il FTSE MIB che mette a segno la stessa performance positiva del Vecchio Continente. Gli investitori scommettono sulla ripresa, anche grazie ai notevoli progressi che arrivano dalla campagna vaccinale statunitense. Intanto arrivano segnali positivi dalla fiducia dell’economia nel Vecchio Continente, che ha registrato un deciso balzo a marzo.

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,177. Scambia in retromarcia l’oro, che scivola a 1.699,5 dollari l’oncia. Seduta in frazionale ribasso per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che lascia, per ora, sul parterre lo 0,68%.

Consolida i livelli della vigilia lo spread, attestandosi a +96 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona allo 0,69%.

Nello scenario borsistico europeo resistente Francoforte, che segna un piccolo aumento dello 0,56%, Londra avanza dello 0,38%, e si muove in modesto rialzo Parigi, evidenziando un incremento dello 0,54%.

Seduta in lieve rialzo per Piazza Affari, con il FTSE MIB, che avanza a 24.517 punti, continuando la scia rialzista evidenziata da cinque guadagni consecutivi, innescata mercoledì scorso; sulla stessa linea, piccolo scatto in avanti per il FTSE Italia All-Share, che arriva a 26.687 punti.

Sui livelli della vigilia il FTSE Italia Mid Cap (+0,03%); sulla stessa tendenza, consolida i livelli della vigilia il FTSE Italia Star (-0,18%).

Risultato positivo a Piazza Affari per i settori utility (+2,43%), media (+1,95%) e tecnologia (+1,37%).

Tra i peggiori della lista di Milano, in maggior calo i comparti telecomunicazioni (-4,77%), bancario (-2,02%) e servizi finanziari (-2,02%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, effervescente CNH Industrial, con un progresso del 3,41%.

Incandescente Moncler, che vanta un incisivo incremento del 2,51%.

In primo piano Leonardo, che mostra un forte aumento del 2,09%.

Si muove in territorio positivo Unicredit, mostrando un incremento dell’1,90%.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Enel, che prosegue le contrattazioni a -1,58%.

Scivola Italgas, con un netto svantaggio dell’1,25%.

In rosso Amplifon, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,15%.

Spicca la prestazione negativa di Terna, che scende dell’1,13%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Biesse (+4,87%), Banca Popolare di Sondrio (+3,39%), Autogrill (+2,18%) e Ferragamo (+1,80%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Esprinet, che continua la seduta con -2,70%.

Seduta drammatica per GVS, che crolla del 2,67%.

Sensibili perdite per Astaldi, in calo del 2,57%.

In apnea FILA, che arretra del 2,52%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tutti positivi i Mercati del Vecchio Continente