Tutti positivi i Mercati del Vecchio Continente

(Teleborsa) – Acquisti diffusi sui listini azionari europei, con Piazza Affari che chiude mettendo a segno la stessa performance positiva del Vecchio Continente. Nel frattempo sui mercati USA si muove in territorio negativo l’S&P-500, che registra una flessione dello 0,23%. Resta incertezza sull’evoluzione della crisi ucraina e sui rischi di un blocco delle forniture di gas all’Europa. “Continuiamo a temere che ci sarà una nuova escalation prima che il conflitto arrivi alla fine – ha commentato Mark Dowding, CIO di BlueBay – Sembra difficile immaginare che Putin accetti tranquillamente la sconfitta ed è possibile che il recente ritiro da Kiev sia poco più di una riorganizzazione tattica prima di una nuova spinta”.

A Piazza Affari brilla Fineco, che Equita ha inserito nella selezione Best Picks, salgono Campari, dopo le promozioni di diversi analisti, e Saipem, con S&P che ha rivisto il rating a BB con outlook positivo. Continua a salire Generali, su cui potrebbe essere in atto un rastrellamento di azioni per la battaglia per la governance in vista dell’assemblea di bilancio di fine mese.

Seduta in frazionale ribasso per l’Euro / Dollaro USA, che lascia, per ora, sul parterre lo 0,23%. Sessione debole per l’oro, che scambia con un calo dello 0,45%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) perde lo 0,08% e continua a trattare a 100,4 dollari per barile.

Balza in alto lo spread, posizionandosi a +154 punti base, con un incremento di 4 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari al 2,10%.

Tra gli indici di Eurolandia bilancio positivo per Francoforte, che vanta un progresso dello 0,22%, sostanzialmente tonico Londra, che registra una plusvalenza dello 0,30%, e guadagno moderato per Parigi, che avanza dello 0,37%.

Lieve aumento per la Borsa Milanese, con il FTSE MIB che sale dello 0,57% a 25.163 punti, mentre, al contrario, giornata negativa per il FTSE Italia All-Share, che archivia la seduta a 27.297 punti, in calo dell’1,18%.

Guadagni frazionali per il FTSE Italia Mid Cap (+0,42%); senza direzione il FTSE Italia Star (+0,1%).

In Borsa di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,69 miliardi di euro, restando invariato rispetto alla seduta precedente; i volumi scambiati sono passati da 1,13 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 1,04 miliardi.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Fineco (+3,36%), Amplifon (+3,31%), DiaSorin (+2,57%) e Saipem (+2,18%).

Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su Telecom Italia, che ha terminato le contrattazioni a -3,45%.

Tonfo di STMicroelectronics, che mostra una caduta del 2,42%.

Vendite su Interpump, che registra un ribasso dell’1,88%.

Seduta negativa per Nexi, che mostra una perdita dell’1,62%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Antares Vision (+3,77%), Alerion Clean Power (+3,31%), IREN (+3,00%) e doValue (+2,60%).

Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Intercos, che ha chiuso a -2,63%.

Lettera su GVS, che registra un importante calo del 2,31%.

Sotto pressione Piaggio, che accusa un calo del 2,26%.

Scivola Carel Industries, con un netto svantaggio dell’1,72%.

Tra i dati macroeconomici rilevanti:

Venerdì 01/04/2022
00:50 Giappone: Indice Tankan, trimestrale (atteso 12 punti; preced. 17 punti)
01:30 Giappone: PMI manifatturiero (atteso 53,2 punti; preced. 52,7 punti)
02:45 Cina: PMI manifatturiero Caixin (atteso 50 punti; preced. 50,4 punti)
10:00 Unione Europea: PMI manifatturiero (atteso 57 punti; preced. 58,2 punti)
11:00 Unione Europea: Prezzi consumo, mensile (preced. 0,9%).