Tutti positivi i mercati del Vecchio Continente

(Teleborsa) – Acquisti sui listini azionari europei, con il FTSE MIB che mette a segno la stessa performance positiva del Vecchio Continente. I riflettori restano puntati sul vertice del G20 di Osaka, che potrebbe portare al tanto sospirato accordo commerciale tra USA e Cina.

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia a 1,138. Lieve aumento dell’oro, che sale a 1.413,5 dollari l’oncia. Nessuna variazione significativa per il mercato petrolifero, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che si attesta sui valori della vigilia a 59,53 dollari per barile.

Lieve calo dello spread, che scende a +242 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta al 2,10%.

Tra le principali Borse europee bilancio positivo per Francoforte, che vanta un progresso dello 0,45%, sostanzialmente tonica Londra, che registra una plusvalenza dello 0,28%, guadagno moderato per Parigi, che avanza dello 0,30%.

Piazza Affari continua la seduta con un guadagno frazionale sul FTSE MIB dello 0,24%; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share avanza in maniera frazionale, arrivando a 23.079 punti. Leggermente positivo il FTSE Italia Mid Cap (+0,37%), come il FTSE Italia Star (0,2%).

Risultato positivo a Piazza Affari per i settori tecnologia (+1,51%), media (+1,28%) e viaggi e intrattenimento (+1,04%).

In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si manifestano nei comparti costruzioni (-0,70%) e immobiliare (-0,44%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo STMicroelectronics (+1,95%), Juventus (+1,94%), Fineco (+1,79%) e Recordati (+1,39%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su BPER, che ottiene -1,29%.

Sotto pressione Buzzi Unicem, con un forte ribasso dell’1,09%.

Soffre Snam, che evidenzia una perdita dell’1,03%.

Sottotono Leonardo che mostra una limatura dello 0,72%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Rai Way (+5,68%), doBank (+4,70%), Saras (+2,57%) e Anima Holding (+2,56%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Tinexta, che continua la seduta con -2,44%.

Preda dei venditori Banca Popolare di Sondrio, con un decremento dell’1,52%.

Si concentrano le vendite su Gima TT, che soffre un calo dell’1,23%.

Vendite su Mutuionline, che registra un ribasso dell’1,13%.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Tutti positivi i mercati del Vecchio Continente