Turismo: stagione sciistica a rischio, operatori chiedono ristori adeguati

(Teleborsa) – Le imprese del settore sciistico, un comparto cruciale del turismo invernale, guardano con una certa preoccupazione alla riapertura degli impianti, teoricamente in calendario il 18 gennaio, ma potenzialmente rinviabile sino alla prima settimana di febbraio, a causa della diffusione dei contagi e del rinvio dell’apertura delle scuole.

Gli impiantisti aderenti all’Anef, in cerca di certezze che vadano oltre la data di riapertura degli impianti, hanno quindi chiesto rassicurazioni al governo sulla possibilità di ottenere dei ristori in caso di mancata o tardata riapertura degli impianti.

Se ne è parlato in un incontro fra gli operatori del settore – gestori di impianti, scuole e maestri di sci, indotto – ed i viceministri economici Antonio Misiani e Laura Castelli. Erano presenti anche i parlamentari Claudia Porchietto, Silvia Fregolent e Dario Bond. “Ad oggi mancano le certezze su tempi e modalità”, ha dichiarato il parlamentare Bond (FI), aggiungendo che “soprattutto le località meno strutturate rischiano di chiudere definitivamente dopo questa mazzata”.

“Ci siamo confrontati su come sostenere il settore, per delineare il miglior approccio utile a definire subito un sostegno concreto“, ha affermato la Castelli, aggiungendo che “all’interno del prossimo Decreto Ristori potrebbero già rientrare alcuni interventi di ristoro specifici, che tengano proprio conto della particolarità del settore e del ruolo strategico che riveste anche per il turismo invernale e sportivo”.

“E’ evidente che, se per effetto della decisione del Governo, non dovesse essere possibile riaprire gli impianti, noi ci aspettiamo ristori più che adeguati”, ha chiarito l’assessore al turismo del Veneto, Federico Caner.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Turismo: stagione sciistica a rischio, operatori chiedono ristori adeg...