Turismo, sospeso l’accordo tra le ferrovie francesi e Airbnb

(Teleborsa) – Airbnb, notissimo portale online che mette in contatto persone in ricerca di un alloggio o di una camera per brevi periodi, con persone che ne dispongono, sta sperimentando l’ira degli albergatori francesi, che con le loro proteste sono riusciti a far deragliare un accordo commerciale con una società del settore turistico partecipata a maggioranza dalle ferrovie pubbliche francesi, Voyages-SNCF.

Il congelamento dell’accordo è stato deciso ieri, facendo seguito alla crisi del settore turistico-alberghiero acuitasi a seguito degli attentati terroristici di Parigi, che hanno portato ad un brusco calo di prenotazioni.

“E’ inaccettabile che un’azienda di carattere pubblico concluda un accordo con una società privata senza consultarci”, ha detto Roland Heguy, capo della UMIH, organizzazione che rappresenta l’85% degli albergatori francesi. “Sanno che la situazione per noi è molto difficile, visti gli attacchi del mese scorso. Questo per noi è un atto di concorrenza sleale”.

Gli attacchi terroristici di Parigi, in cui sono morte 130 persone, hanno provocato un vero collasso della domanda che, secondo il più grosso operatore alberghiero francese, Accor, “avrà un duro impatto sull’economia del settore, con un calo della domanda che potrà durare dai tre ai quattro mesi. 

Diplomatica la risposta di Voyages-SNCF: “ci prenderemo tutto il tempo necessario per discutere con i professionisti del settore alberghiero.”

Il portale di Voyages-SNCF ha avuto 6,6 milioni di visitatori unici francesi nel mese di ottobre, rispetto ai circa 1,2 milioni di europei che hanno navigato sul sito di Airbnb, secondo l’agenzia di rilevazioni statistiche francese, Médiamétrie citata da Bloomberg.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Turismo, sospeso l’accordo tra le ferrovie francesi e Airbnb